Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



giovedì 20 aprile 2017

Il mio ultimo Nathan Never in edicola

"Il germe della follia" è l'albo n. 311 di Nathan Never adesso in edicola, disegnato da me e scritto da Alessandro Russo, copertina di Sergio Giardo.
Le prime tavole di questa storia ho iniziato a disegnarle nel 2015, poi sono passata a disegnare altro. Alcuni bozzetti e studi riguardanti questa storia dai risvolti un po' horror li trovate sulla pagina Facebook ufficiale di Nathan Never.

"Il germe della follia" - Nathan Never 311 - Sergio Bonelli Editore

Nel frattempo continuo a occuparmi di disegno digitale e di Clip Studio Paint, di recente il gruppo su Facebook fondato da me e Luigi Coppola ha superato i 1600 iscritti, ho anche scritto un post su come "estrarre" la linea del disegno da una tavola scansionata, e poi ho aggiornato il mio vecchio post sulle tavolette grafiche (il più visitato del mio blog, ma risalente al 2013).

Qualche altra notizia fumettosa e che riguarda la casa editrice Sergio Bonelli Editore:
Altre novità:

2 commenti:

  1. Il germe della follia ha sicuramente attecchito se Nespoli, come mi pare di capire, porterà in orbita Ortolani pur di tenerlo lontano dal tavolo da disegno. Immagino che dopo vent'anni di lavoro sul Ratto sentisse il bisogno di allontanarsi dall'arte sequenziale, ma al posto suo mi sarei dato ad una sana e consapevole crisi oblomovica ed avrei passato il tempo dall'alba al crepuscolo a chiedermi cosa ci trovi la gente nei melograni. Personalmente sospetto che un melograno sezionato abbia qualcosa della indagine poliziesca nelle prime pagine con tutti quegli elementi vicini vicini come tanti pallini rossi a contatto e senza intersezione alcuna fino a che un commissario Ics non li riconduce ad un unico centro con la perizia di un clinico che ha l'alias come Doctor Us ( prossima miniserie SBE che strizza l'occhio alla chick lit delle Edizioni Hop con una detective blogger che si chiama Core Grato e ama le contraddizioni hi-tech di questo scorcio di 21mo secolo ndr ).
    En passant noto che il signor Giardo sta portando le covers di Musone Never sempre più dalle parti dello indie di casa nostra. Se continua così atterrerà dalle parti del Mauro Padovani di Bullet & Justine. Nespole ! ciao ciao

    RispondiElimina
  2. Core Grato vorrei davvero vederla all'opera.

    RispondiElimina