Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



mercoledì 3 luglio 2013

Kristal, la mia cagnolina da 6 mesi

Sono passati più di 6 mesi da quando Kristal è arrivata in casa mia. Sono contenta? Sì, direi di sì, mi sono molto affezionata a questa cagnolina - ma questo era prevedibile, date le premesse.
Un'amica in particolare mi ha detto di non fare paragoni con Milou, che Kristal è un'altra cosa; vero, anche se viene istintivo mettere a confronto le due cagnoline, in fondo prima di Milou non avevo mai avuto un cane.
Kristal è stata adottata da me a fine dicembre, quando aveva un anno; sono andata a prenderla in un canile vicino Bergamo in un pomeriggio nebbioso, con la neve che ricopriva i campi intorno (e in cui Kristal ha mostrato subito la sua passione per il "nuoto").
Ero molto dubbiosa, e un po' agitata. Del passato di Kristal non so nulla, solo che viene da un canile della Bosnia; non so dove sia cresciuta e come, se ha avuto traumi, se è stata abbandonata o se è scappata da qualche famiglia, o se era una vagabonda.
Milou era stata salvata dalla strada a Milano quando aveva 2 mesi: è cresciuta con me - forse non sono stata una grande educatrice (causa l'inesperienza) ma ci siamo adattate l'una all'altra, abbiamo imparato insieme.
Con Kristal all'inizio avevo sempre l'impressione volesse andare da qualche parte, cercare qualcuno: i volontari del canile? I suoi ex-padroni? E' una cagnolina che comunque al guinzaglio tende a tirare, adesso molto meno di prima; ed è davvero forte per i suoi 10 kg.
Col tempo ha smesso di guardarsi intorno dubbiosa, conosce bene tutte le strade del quartiere, soprattutto si è affezionata a diversi cagnetti che sa di trovare in un paio di aree-cani della zona, quelle dove andiamo sempre (anche perché è lei che ci vuole andare, entusiasta). Kristal è una giocherellona anche insistente, a volte: abbaia molto per attirare l'attenzione e per invitare i cagnetti-amici a non smettere di correre o fare la lotta; se lei è dentro il recinto e vede fuori dei cani li invita molto rumorosamente a venire dentro per giocare (spesso questo abbaio viene interpretato dai padroni come ostilità, cosa che non è mai).
A casa si è ambientata quasi subito; al contrario di Milou apprezza anche fare qualche riposino sotto il letto o la poltrona in studio.


Si è subito abituata agli orari delle passeggiate (3 volte al giorno), in casa è successo che facesse un po' di pipì 2 o 3 volte in posti diversi, e una volta la popò - poi più nulla.
Non è insistente sul cibo quando si è a tavola; certo, non si allontana dai dintorni del tavolo finché non si finisce di mangiare, e qualche volta appoggia il muso sulla sedia o lo usa per "bussare" sulle gambe, ma se vede che non gli si dà nulla si rassegna subito e si siede sotto il tavolo. Non sale sulle sedie, come invece faceva Milou, però ha una paura strana: la stanza del bagno la mette in agitazione, non ci entra proprio, rimane sulla soglia; di più, se vede che qualcuno ci entra piange. Col tempo ha smesso di piangere, quasi, e perlopiù si siede sulla soglia, solo un po' preoccupata. Con l'aiuto di biscottini posizionati nel bagno siamo riusciti a farla avanzare con cautela fino a 1 metro all'interno, ma poi scappa subito fuori. La stanza è leggermente stretta, e con mattonelle bianche; non so se le è successo qualcosa di brutto in passato legato a un posto simile.
Allo stesso modo è terrorizzata se si cerca di prenderla in braccio; dal veterinario invece è abbastanza tranquilla, non contenta ma neanche terrorizzata (Milou si agitava molto di più durante l'attesa, anche se poi rimaneva immobile sul tavolino).
Purtroppo Kristal ha i suoi punti deboli: gli uccelli, le biciclette, in generale tutto ciò che si muove sulle ruote - motivo per cui non la si può lasciare libera neanche nei parchi, che sono frequentati da ciclisti; ultimamente alle automobili non fa quasi più caso, e per le bici è meno sensibile, ma se gli passa un ciclista vicino scatta come un fulmine e abbaia furiosamente. Dato che un paio di volte è riuscita a raggiungerne due (mentre stava giocando con la sua amichetta preferita in situazione apparentemente solitaria e tranquilla) posso dire che non vuole mordere ma certamente ha un modo di abbaiare e muoversi che spaventerebbe chiunque non la conoscesse.
L'abbaio è acuto e abbastanza disturbante se prolungato - cosa che le succede ogni tanto quando due cani giocano tra loro e la ignorano; abbaia quasi sempre quando si incrocia un altro cane - e io so che smetterebbe se potesse giocarci liberamente, ma non si può...In questo caso è più stressante di Milou, almeno per adesso. A casa invece non abbaia quasi mai, tranne quando le prendono "i 5 minuti": salta sul letto volendo giocare con qualcuno, tira per aria i giocattoli, fa giravolte, se ci si sta vestendo salta addosso e mordicchia per gioco - insomma, è ancora una cucciolona, so che poi si calmerà (almeno un po'). Di solito sta buona nelle sue due cucce, o sul letto, o per terra - all'inizio veniva a cercarmi molto più spesso per giocare, adesso capita che sia più io che vada a farle le coccole durante le mie pause!
La sera prima di dormire si guarda un po' di tv, o si legge qualcosa; Kristal di solito è sul letto, all'inizio, ma verso le 10 e mezza di sua spontanea volontà scende e va nella sua cuccia (che è abbastanza vicino al letto).



La mattina invece c'è questa routine: se Kristal vede che sono sveglia, o che mi alzo quando è arrivato il mattino allora dalla cuccia viene sul letto e vuole che le si facciano le coccole per almeno 10 minuti (e le coccole sono ricambiate). Sta buona finché non ci si lava e veste, quando capisce che arriva il momento di mettere l'imbracatura inizia a correre per casa, saltare sul letto, prendere i giochi, abbaiare; ci vuole un po' per fermarla e convincerla a mettere il braghino e poi il guinzaglio (Kristal è un'anguilla).
Uno dei parchi in cui andiamo è situato al di là del Naviglio vicino casa mia, bisogna attraversare un ponte per arrivarci. Negli ultimi mesi Kristal ha iniziato a fermarsi in cima al ponte ogni volta che si torna indietro dalla passeggiata; si siede e inizia a guardare verso l'acqua e verso le strade che costeggiano il Naviglio, seguendo il movimento delle auto. Quando fa così è impossibile smuoverla, e non so quanto starebbe ferma in cima al ponte se non la convincessi con  dolcezza e pazienza a scendere le scale e tornare a casa (l'offerta di biscottini aiuta solo in parte). Il suo sguardo sembra essere altrove, non ascolta quasi quello che le si dice. Chissà se quel panorama dal ponte le ricorda qualcosa? Di sicuro mi fa molta tenerezza vederla comportarsi così, penso a quante cose non so di lei.
Per adesso non è molto obbediente; ho cercato di abituarla con i biscottini a venire da me se chiamata, ma lo fa raramente. Sembra affezionata, ma non troppo; se esco dal recinto cani e faccio finta di andarmene è raro che si preoccupi e mi segua. A casa come detto è molto coccolona e affettuosa; non le va di essere lasciata sola in casa, anche se si sta abituando (ho iniziato con brevi assenze, per aumentarle gradatamente); prima abbaiava con veemenza se lasciata sola - sempre però per pochi minuti; ultimamente abbaia meno, certe volte per nulla.
Non ha mai distrutto niente in casa tranne i suoi giocattoli e fazzoletti di carta; direi che è davvero una brava cagnolina, per questo ( temevo un po' per i miei libri e fumetti).
Mi tiene molta compagnia, spesso giochiamo insieme ed è davvero molto divertente, fa delle cose buffe che mi fanno morire dal ridere. Non vedo ancora negli occhi quell'amore e quella comunione che vedevo in Milou - forse non ci sarà mai, le storie sono diverse, i cani diversi, ma mi va bene anche così, sono felice di averla tolta dal canile, so che qui da me sta bene e riceve davvero tanto affetto.
Qualche volta la chiamo Milou, ma lei non se ne accorge...

4 commenti:

  1. E' bellissima... e a me sembra molto tranquilla per essere stata presa da un canile. Ci sono cani che non recuperano i traumi subiti, e non si adattano mai alla vita "di famiglia". Direi che sei stata fortunata... Ah, quanto al tirare il guinzaglio... dieci chili non sono tanti, ma posso testimoniare che quando il cane tira si sentono tutti...

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, sono stata fortunata...Sulla presentazione per l'adozione c'era scritto che era buona e coccolona, ma chiaramente un cane può avere tante caratteristiche diverse, alcune delle quali possono apparire in circostanze non prevedibili.
    Il cane è sempre un impegno e non va mai preso a cuor leggero, sia per noi sia per lui stesso.

    RispondiElimina
  3. Mi aggiungo: bella davvero e ho letto con piacere il post affettuoso.

    RispondiElimina