Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



lunedì 15 settembre 2014

Terza tavola di "Quartiere" e link vari


Il bozzetto di questa tavola della serie "Quartiere" la trovate al solito nel mio Tumbrl "Fumetti senza fine" - tutto realizzato con Manga Studio 5 EX (Clip Studio Paint EX).


A proposito di Manga Studio ho pensato di ricavare una specie di raccolta di consigli e "dritte" sul programma così come sono venuti fuori nel gruppo su Facebook (Manga Studio Italia), magari mettendole in ordine per tag in un documento disponibile per tutti; la difficoltà per me è duplice, una è trovare un modo per poter aggiornare il documento mantenendo o inserendo tag in ordine alfabetico, l'altra è scorrere la timeline di Facebook e riprendere a leggere un dato punto preciso (non riuscirò certo a fare tutto in un giorno o due) - quest'ultima cosa è impossibile (grave mancanza).

Per adesso vari link che ho trovato riguardanti Manga Studio:
- Un video che spiega come usare la modalità "Reference Layer" in MS 5 per colorare senza "sbordare" oltre il segno.
- Un tutorial di Eric Kim che illustra passo passo la creazione di una sua illustrazione realizzata su carta ma poi arricchita con Manga Studio e Photoshop.
- Tutti i post che parlano di Manga Studio che potete trovare sull'interessante sito di PJ Holden.
- Modelli 3D per chi disegna in stile manga (il link è segnalato quasi a inizio discussione)

In più un Tumbrl di anatomia (vera) per disegnatori: Figure Drawing References


Altri consigli di lettura (o di visione):

- "Fa caldo", una canzone dei Gufi che non sarebbe spiaciuta ai dark di una volta

4 commenti:

  1. Attenzione perchè la deriva ombre- tra- le- ombre del quartiere porta inesorabilmente alla variante ombra di gatto nero che attraversa il tunnel al crepuscolo e fa inciampare una donna nel suo burqa senza occhi e di lì è un attimo e si atterra alla vignetta nera. Disegnare è catartico, ma anche faticoso e la rete seduce i + pigri: so di un cartoonist che poteva essere il nuovo Capitanio - esagerava nel dettaglio al punto da disegnare le cicatrici dell'acne sulla pelle di Noè - ma si è perso nel tubo a guardare La Linea di Cavandoli e ha poi passato mesi in portineria in via Buonarroti cercando di convincere i Tre Sardi a dare una chance al suo MicroBob, l' Agente Micron - novantaquattro tavole al mese di primo piano di un vetrino in cui MB combatteva la sua eterna battaglia contro i Nemici dell'Igiene...

    RispondiElimina
  2. Dici che sto pericolosamente cadendo nel minimalismo? Giuro però che non è per pigrizia - forse un tantino per mancanza di tempo, ecco.

    RispondiElimina
  3. Non so resistere alla tentaz di giocare con le immagini e le parole di un post, ma in realtà mi piace la sintesi come piace spesso ciò che è fuori portata. Less is more, come diceva Mike Parobeck, come avrebbe detto anche Toth, come ripeterebbero in coro Milazzo o Parlov.

    RispondiElimina
  4. Beh, dai. Piano piano (piano piano), la cosa sta prendendo una forma :)

    RispondiElimina