Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



venerdì 26 dicembre 2008

Un fumetto che non leggerò, e mi dispiace...


La copertina di "Laika" di Nick Abadzis ha attratto subito il mio occhio - un cane in copertina, l'evidente riferimento alla nota cagnolina sacrificata nel lancio del sovietico Sputnik...
Una sfogliata al libro confermava la sensazione positiva iniziale - il disegnatore, per me sconosciuto, aveva un tratto decisamente interessante, e anche il modo di raccontare sembrava di qualità.
Questo succedeva qualche mese fa: il libro è stato riposto sullo scaffale, a malincuore, una volta realizzato che proprio il modo particolare di raccontare la storia mi avrebbe fatto vivere intensamente la crudele fine della cagnetta. Dopo di allora ogni volta che in una libreria incontro questo volume lo prendo in mano, con una voglia fortissima di acquistarlo; e sempre, con angoscia, lo rimetto a posto.
Da quando posseggo una cagnolina non riesco più a sopportare immagini e storie di cani trattati brutalmente; e non c'è niente di meglio di un buon fumetto per farmi sentire male, se il tema è quello.
Il fumetto di Abadzis in realtà non mostra nessuna immagine della sofferenza della cagnetta, poichè oltretutto la storia si incentra sulle persone che hanno avuto a che fare, in qualche modo, con Laika; ma per me l'intensità di una storia non si trova mai nel mostrato, nell'esibito, ma in quello che è sottinteso, o suggerito.
Io però mi sento di consigliare questo volume a tutti quelli che non hanno le mie debolezze, credo valga la pena leggerlo: cliccate sul primo link per maggiori dettagli sulla storia, e sul secondo per arrivare al sito dell'autore, ben fatto, dove c'è una sezione tutta dedicata a "Laika", con schizzi, foto documentarie, layout.

Nessun commento:

Posta un commento