Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



giovedì 22 dicembre 2011

Auguri! - e poi link a tema fumetto

Auguri di buone feste a tutti, rilassatevi se potete - ho idea ci aspetti un 2012 molto impegnativo.
A gennaio io terminerò la storia di Nathan Never che uscirà a maggio (mi mancano 11 tavole), ma ho ancora tante cosine da sistemare su queste tavole che a riguardarle a mente fredda mi piacciono molto meno di qualche mese fa: pazienza, quando si è  alla ricerca di un tipo di disegno che non rispecchia del tutto lo stile personale è normale incontrare vicoli ciechi e ostacoli - è una sfida continua, miglioro da una parte ma vedo che rimango al palo dall'altra.
Quello che posso dire è che Antonio Serra sta facendo un lavoro gigantesco sia motivazionale che artistico nei confronti dei disegnatori (tra loro molto diversi), cercando sempre di trovare all'interno del personale modo di disegnare di ognuno quelle caratteristiche che possono essere sviluppate ed essere adattate alla visione generale di questo Nathan "post-guerra dei mondi" del 2012.
Non posso dire nulla intorno alle storie (che neanche ho letto) ma le tavole che ho intravisto degli altri miei colleghi sono davvero belle, in particolare Sergio Giardo ha fatto un lavoro mostruoso, sia nei disegni che nel design - i risultati potrete vederli tra qualche mese.

Intanto...mentre Laura Scarpa sul suo Tumbrl ha reinterpretato il tema del Calendario dell'Avvento, Paolo Interdonato durante questo periodo festivo ci segnala un fumetto al giorno.
Io nei miei consigli sono meno raffinata di Paolo, segnalo ancora una volta il manga di Real di cui è uscito il decimo volume: per chi volesse fare un bel regalo (in ritardo) consiglio di procurarsi tutta la serie o quello che si trova (i primi volumi sembrano esauriti, ma li stanno ristampando).
Nel decimo volume c'è una scena bellissima che mi ha fatto commuovere, ancora: Takahashi (bloccato in carrozzina da un incidente) sta percorrendo molto lentamente la sua riabilitazione, soprattutto inizia finalmente a sentire il richiamo del basket...Basta, se siete interessati comprate il capolavoro di Inoue, altrimenti niente, magari vi interessa più il mondo Marvel, in cui a dire la verità faccio sempre più fatica a districarmi tra serie e miniserie, e io che solo saltuariamente cerco qualche piccola perla (soprattutto per ciò che riguarda i disegnatori) magari mi faccio sfuggire qualcosa di interessante (o magari no).
Sfogliando questo e quello mi sono capitati sotto mano tre numeri di Ultimate X-men ("Ultimate X: le origini") scritti da Jeph Loeb e disegnati da Art Adams, disegnatore bravissimo quanto lento. La prima puntata (di tre) mi è piaciuta perché il punto di vista è esterno, e il risultato e che alla fine è quasi commovente - senza parlare dei disegni spettacolari. Qualche tavola e cover la si può vedere qui (cliccando sulle immagini) e qui.
Ho molto amato il personaggio di Tom Strong, uno dei personaggi del progetto America's Best Comics di Alan Moore, ormai risalente a diversi anni fa; adesso è uscito un volume ("Tom Strong e i robot della morte") le cui storie sono scritte da Peter Hogan e illustrate dal creatore grafico originale Chris Sprouse. Il risultato nel complesso non è male, ma niente a che vedere con le vecchie storie di Moore; mi è venuta voglia di rileggere quegli albi!
Non so se avevo segnalato lo strano manga di Kengo Hanazawa (la ricerca di Blogger mi dice di no, ma credo si sbagli), ad ogni modo: "I am a hero" (3 volumi fino ad adesso) parte come un fumetto quasi realistico che ha per protagonista un mangaka di belle speranze che lavora come assistente in uno studio. Hideo Suzuki però è pieno di complessi, dubbi, paranoie. Quando nella storia iniziano a succedere cose molto strane (non voglio rovinare la sorpresa per chi volesse leggerla) il dubbio che siano deliri personali è lecito, anche perché le reazioni delle persone (per quanto particolari come i giapponesi) sembrano un po' assurde. Alla fine credo sia un manga horror, e il plot è visto e rivisto: eppure Hanazawa ha saputo metterci del suo, in più è anche molto bravo a disegnare, per cui...

L'angolo digitale: segnalo l'arrivo in ebook di Diabolik con il numero 1 (strastampato in tutte le salse, credo); il formato è l'epub, e data la natura peculiare dell'albo diaboliko è uno dei pochi fumetti leggibili anche su e-reader di non grande formato (e in bianco e nero).
La Becco Giallo arriva in ebook (ma in formato pdf) grazie alla collaborazione tra L'Unità e ReadMeLibri: dal 24 dicembre inizieranno ad uscire 7 volumi a fumetti, il primo è quello su Gramsci.

16 commenti:

  1. Sempre post altamente interessante i tuoi! Per quanto riguarda il discorso iniziale dell'adeguarsi ad uno stile che non si sente proprio posso capire a quante difficoltà sarai andata incontro... Attendo di sfogliare il tuo lavoro, a presto! Auguri di buone feste!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie Claudio, però non vorrei aver dato l'idea che non mi piaccia aver cambiato modo di disegnare: alla fine sto facendo questo percorso da anni, e non essendo nata come disegnatrice realistica questo certamente mi ha posto dei problemi; me ne pone molti di più disegnare delle anatomie sbagliate o costruire male le vignette, ecco :)
    Ho cercato di linkare in giro il tuo bel video augurale - e nello stesso tempo un quasi tutorial, lo faccio anche qui, consiglio di andare a vederlo: http://www.youtube.com/watch?v=k8yLgSKqxjk&feature=colike

    RispondiElimina
  3. Ciao Patrizia, buone feste! Ma poi ci "sentiamo" al corso online di fumetto, se non ho capito male^^!

    RispondiElimina
  4. Buon Natale e felice anno nuovo Patrizia!

    RispondiElimina
  5. Tanti auguri anche da parte mia (e dall'intero staff del Tamburo, ovvio!).

    RispondiElimina
  6. Anch'io, sia come burino che come tamburino.

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti per gli auguri, che ricambio di cuore.
    Boscho@: sì, sto preparando una lezione (forse due), adesso durante le feste cercherò di completarle.
    The Passenger@: ho qualche dubbio sul perché giudichi questo post bellissimo, ma lo apprezzo, grazie :)

    RispondiElimina
  8. Buone feste, Patrizia. Attendo anche io il tuo lavoro in edicola a maggio! Buon lavoro, ma rilassati anche eh!?!?!

    RispondiElimina
  9. Mi lusinghi sempre Pat! Bellissimo il ghigno di Legs in cima al post! Beata te che ti mancano solo 11 tavole... ;-)Buone Feste cara!

    RispondiElimina
  10. Grazie per le dritte "fumettose" corro a comprare Real ;)

    Auguri di Buon Natale,
    Andrea.

    RispondiElimina
  11. Mamma mia, quanta roba :)

    Sono sicuro che il tuo cammino professionale si stia muovendo in direzioni nuove e indedite, per te, ma che manterrai il segno e la linea che contraddistinguono il tuo superbo lavoro su Nathan.
    Ne uscirai comunque vincitrice perchè saria tu a decidere, alla fine della storia, quanto quei cambiamenti abbiano giovato al tuo lavoro o se tornare sui tuoi passi. Comunque mancano undici tavole, dai. Sei quasi al traguardo.

    Real non l'ho mai letto. Essendo un fan della NBA, in tanti mi hanno consigliato Slam Dunk, sempre di Inoue, ma i fumetti che trattano di sport, li ho sempre trovati un po' strani.

    Del mondo Marvel, non credo tu ti stia perdendo qualcosa di significativo. graficamente parlando, credo sia attualmente in corso di pubblicazione una run degli uomini X di Daniel Acuna, disegnatore spagnolo che merita attenzione (lagartomurciano.blogspot.com). Poi, se ti piacciono i classici d'annata, di cose da leggere ce ne sarebbero anche.

    Il Tom Strong di Alan Moore era fenomenale. Se non lo hai già fatto, però, ti consiglio anche la lettura dei volumi che raccolgono gli episodi della serie "Top Ten". Davvero bella.

    Per tutto il resto, buon natale e buone feste, Patrizia. Disegna, rilassati, riposati e leggi :)

    RispondiElimina
  12. Luigi sei sempre gentile, ma anche attento e dispensatore di consigli utili, il tuo supporto lo apprezzo molto, davvero.
    A proposito di Real: anche io in genere non amo i fumetti a sfondo sportivo; Slam Dunk è molto incentrato sul gioco, ed è adatto a lettori più giovani (a mio parere), mentre Real è basato sui personaggi e sul loro rapporto con la disabilità (uno dei protagonisti non lo è, ma è lo stesso un "diverso"). Dato che è stato ristampato il primo volume prova con quello, poi magari se non ti prende molla lì!
    "Top ten" è magnifica, una delle mie serie preferite uscite su ABC; parli di volumi che raccoglievano le storie sulla rivista, no? O sono uscite storie inedite?
    Approfitto della giornata per fare gli auguri di buone feste a te e a tutti i lettori del blog!

    RispondiElimina
  13. Sergio@: non ti lusingo affatto, anzi, m'è venuta un'invidia guardando le cose che stai facendo (parlo degli studi di cui per adesso non si può parlare - eh eh - che mi hanno lasciato a bocca aperta); invidia buona, eh, che spero stimoleranno anche me per migliorare certi aspetti del mio lavoro.
    Buone feste, Sergio, anche se so che hai tanto da lavorare!

    RispondiElimina
  14. Chissà perchè io provo la stessa invidia guardando i tuoi lavori? Credo che in questo ci assomigliamo: ci guardiamo intorno alla ricerca di stimoli per migliorare sempre, mettendoci anche in discussione, quando serve. Che dici, possiamo essere un po'orgogliosi di questa qualità? Vabbè, basta farci i complimenti a vicenda! Buone feste, Pat, un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. @ Patrizia:
    I tre volumi della magic Press raccolgono tutta la serie già apparsa a puntate sulla rivista, si. Però ci sono anche un po' di speciali come "Quelli del '49" (te lo consiglio vivamente, bellissimo) o uno scritto da Paul di Filippo (scrittore di fantascienza).
    Trovi tutto qui:
    www.magicpress.it/index.php?vall=1&TITOLO=top+ten&COLLANA=&txtDis=&txtSce=&bricerca=CERCA

    Sono contento che apprezzi alcuni dei miei piccoli consigli. Da parte mia, cercherò il primo volume di Real, per vedere di cosa parliamo :)

    Intanto però buon natale, Patrizia.

    RispondiElimina