Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



lunedì 23 gennaio 2012

Il nuovo anno


Branko 
Si va definendo il mio 2012 lavorativo: contrariamente a quanto accennato nel post precedente tra qualche settimana (o più in là) inizierò a lavorare su un quarto albo della Squadra fantasma (Universo Alfa); Stefano Vietti vorrebbe concludere meno sbrigativamente le vicende che riguardano i componenti della squadra, specialmente per ciò che riguarda Katy e Olson. Peraltro sono contenta di tornare a disegnare Legs Weaver e la sua squadra (che non è più tale, a rigore), anche se Legs è tornata a far parte della testata principale durante la Guerra dei Mondi.
L'albo di Nathan Never lo disegnerò subito dopo, non senza prima aver disegnato, probabilmente, qualcosa di breve sempre per l'universo neveriano; nel frattempo porterò avanti  la storia di Mirko Perniola per Agenzia Alfa (sono arrivata a circa 40 tavole disegnate su 94).
Direi che qui oltre al 2012 ho da lavorare anche per tutto il 2013!, e anche molto intensamente: spero che la salute mi assista così come é successo negli ultimi anni ( a parte gli acciacchi dovuti alla vita sedentaria e al mio cronico reflusso gastroesofageo, accidenti).

Tecnologia: quest'anno sarà un anno in cui non mi farò tentare da nessun nuovo gadget, sono già andata fuori budget con l'iPad, e spero tanto che la mia Wacom non si rovini ulteriormente.  Osserverò come al solito molto attentamente le novità e gli sviluppi della tecnologia e dell'informatica, in special modo quando questa può recare vantaggi nella nostra vita quotidiana.
In proposito stavo pensando a quanto sono diventati meno pesanti (almeno per me) i lunghi periodi di lontananza dai miei genitori (e da alcuni amici): con l'uso frequente di Skype il rapporto con le persone lontane sembra dare un calore e una vicinanza molto diversa dalla semplice telefonata. Ho dovuto faticare un po' per far accettare l'uso (anche se limitatissimo) del computer e di questo tipo di tecnologia ai miei, ma poi ne sono diventati entusiasti, poiché con la videotelefonata  hanno modo di interagire con me in maniera più completa.

Quest'anno mi piacerebbe avere più tempo per la lettura: al contrario di molti che vedono la lettura digitale come una cosa "fredda" io ne sono stata conquistata, il coinvolgimento in questa modalità mi ha fatto scoprire più libri, ho letto di più rispetto all'anno precedente, mi sono anche divertita di più - magari non ho finito di leggere tutti i libri che ho iniziato, ma ormai non ho più questa remora (da giovane consideravo eresia non portare a termine la lettura di un libro, anche se non mi piaceva molto).
La diabolica possibilità di scaricare estratti di tutti gli ebook in vendita su Amazon mi ha dato la possibilità di "assaggiare" libri che magari avrei snobbato in libreria, e devo dire che a volte si fanno delle piccole scoperte (un esempio: non so perché la lettura dei libri di Christa Wolf non mi ha mai attirato, ma l'altro giorno ho scaricato la prima parte de "La città degli angeli" - che però è un resoconto autobiografico - e sono rimasta ammaliata dalla bellezza della scrittura e dalla sua nitidezza di pensiero).
Anche iBooks della Apple fa scaricare un estratto dei libri, persino più lungo (almeno in due casi, devo fare altri esperimenti per capire se c'è una regola nella scelta delle lunghezza dei capitoli), ma visitare la sua libreria sull'App Store non è facile dato che se si cerca un libro (sia per categoria che per autore) mette insieme alla rinfusa libri inglesi e italiani; inoltre non capisco dove vadano a scaricarsi i libri acquistati (o quelli parzialmente scaricati), non li trovo da nessuna parte, al contrario di quelli Amazon che vanno a finire in una cartellina.

Altro proposito per l'anno nuovo: perdere meno tempo a rispondere alle mail di richieste varie (ne ho già parlato), anche a costo di sembrare indifferente, cinica, egoista, e non so cos'altro. Con questo blog presento alcuni dei miei lavori, parlo di fumetti, libri, e condivido con chi è interessato pagine web e siti che in qualche modo mi hanno personalmente incuriosito: non lo faccio per lavoro, non sono una cassa di risonanza per nessuno, a meno che la cosa parta da me stessa. Ho fatto la scelta di non mettere pubblicità sul sito, non fare scambio banner, non aderire a iniziative di ogni tipo, a meno che mi interessino dal punto di vista personale (ma cerco di farlo il meno possibile in generale): é che non voglio poi essere trascinata in polemiche, discussioni, prese di posizioni, distinguo, o peggio in progetti di cui non immaginavo le derive e le implicazioni - cosa facilissima se si tratta di aderire a cose di cui non si ha esperienza personale. Poi forse sono un po' cinica e diffidente di natura (per compensare forse un certo mio lato ingenuo e disponibile), le fregature sono sempre dietro l'angolo, sia nel mondo reale che nel mondo virtuale.
Vorrei che questo blog si limitasse a essere una vetrina di fumetti e disegni, un occhio curioso sul web, e nient'altro; inoltre - last but not least - detesto essere sollecitata, tampinata, esortata: abbiate pazienza.

Proposito sognato, ma che probabilmente non si avvererà: dimagrire, fare attività fisica.
Purtroppo i miei fastidi a un ginocchio, aggravatosi negli anni, hanno dimostrato l'esistenza di una sindrome femoro-rotulea; niente di grave, ma l'unica cosa che si può fare è rinforzare il quadricipite e in generale i muscoli delle gambe senza andare ad aggravare la patologia: niente bicicletta (e vabbè, non ci andavo da anni) e niente corsa (l'unica cosa che mi abbia aiutato a dimagrire 6 anni fa).
Dovrei andare in palestra (a fare esercizi mirati) e piscina; oh, io il costume l'ho anche comprato - più di un mese fa, ma l'acqua ancora non l'ho vista. Non sono tipo da palestra, né da piscina, ma so che dovrei sforzarmi, lo so...
Inutile dire che di tempo da dedicare a queste attività ne avrei pochissimo, in più la forza di volontà latita...per questo non riesco a mettere questo mio desiderio tra i propositi dell'anno: so che al 90% non riuscirò a mantenerlo.

14 commenti:

  1. per rimanere in forma dovresti venire a giocare a calcetto il martedì sera con noi a cremona ;-)

    RispondiElimina
  2. Non tirare fuori delle scuse, un po' di attività puoi farla, se vuoi :D E poi il ginocchio ringrazierà! Però, a parte gli scherzi, so che è difficile ritagliarsi uno spazio per l'attività fisica. Io, ad esempio, vado in palestra nella pausa pranzo dato che la sera mi vede occupato con i disegni, corsi e tutto il resto inerente al fumetto.

    RispondiElimina
  3. Importante l'attività fisica... il problema al ginocchio spero si risolva.

    RispondiElimina
  4. E' vero un minimo di attività fisica posso farla, almeno a casa (limitata, che di spazio non ce n'è) :)
    Comunque per il ginocchio non c'è niente da fare, è una cosa cronica che non si può correggere nemmeno con la chirurgia, posso solo limitare l'avanzare dell'usura con questi esercizi, ed evitando certe cose (ad esempio a nuoto non devo fare la rana, ma solo stile libero - cioè, dovrei...).

    RispondiElimina
  5. Buon anno! (dai per gli orientali è appena iniziato).
    OK, sul resto d'accordissimo ma non cominciare a brontolare per gli acciacchi dell'età (peggioreranno sempre di più).

    RispondiElimina
  6. No, gli acciacchi dell'età me li tengo senza brontolare (non ho menzionato il mal di schiena, eh!), gli altri sono dovuti a patologie senza età - tipo la cosa del ginocchio, che è di costituzione, forse il reflusso meno...

    RispondiElimina
  7. Rileggendo vedo che sono stato scemo; meno male che non te la prendi, perdono.
    A proposito di mal di schiena --OPS! come non detto.

    RispondiElimina
  8. Ci sono tanti buoni propositi, in questo post. Spero tu possa riuscire a portarli avanti con leggiadria :)
    Inoltre una pacca sulla spalla per la mole di lavoro alla quale sei già destinata. Ma forse meglio così che non sapere affato a cosa si è destinati alla fine di un albo. Per certi versi, a volte ci penso. Deve essere affascinante da molti pnti di vista, il tuo "mestiere".

    P.S.: Non ci capa una cippa, ma non hai mai parlato di twitter (o forse è sfuggito a me). Il tuo rapporto con questo mezzo di comunicazione e quanto valga davvero la pena provarlo. Non so se si è capito, ma è da un po' che sono tentato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affascinante lo è, in effetti. In quanto a Twitter: è vero, ne ho parlato poco, e credo dovrei dedicarvi un post. Io lo uso molto per tenermi aggiornata su alcune cose, o per trovare le occasioni che durano un giorno (sconti su libri, ecc.); da parte mia Twitter lo uso per segnalare link, post vari, eventi - insomma, per me vale la pena, basta riuscire a capire chi seguire - non certamente chi racconta cosa mangia o come si sente a tutte le ore del giorno (a meno che sia un mio amico, ma non mi è capitato finora).

      Elimina
    2. mi accorgo ora che non ti sto più seguendo su Twitter! Chissà da quando, ma rimedio subito.

      Elimina
  9. Il reflusso gastroesofageo dovrebbero passarcelo come malattia professionale!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari prima ci passassero la qualifica professionale, nel senso del riconoscimento della nostra esistenza!

      Elimina