Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



sabato 2 marzo 2013

Fumetti e libri: ultimi acquisti

L'avevo scritto un po' di tempo fa che "The Walking Dead" non mi aveva preso granché (specie il telefilm, di cui ho visto le prime 3 puntate), ma gli ho voluto dare una chance con l'uscita in edicola: come si vede dal numero dell'albo (il 4) mi sono in parte ricreduta, specialmente quando ho visto che Kirkman giustamente (per me) taglia le scene horror e splatter e va dritto a raccontare quello che serve; niente da dire, sceneggiatura ottima e dialoghi curati, per cui lettura piacevole nonostante la non originalità delle situazioni.
Di "Silver Spoon" pensavo di aver parlato qui nel blog in precedenza, invece no a quanto pare; più va avanti questo manga più realizzo che dietro ai toni da commedia c'è invece un sottofondo "serio" e anche difficile per me, come la questione dello sfruttamento degli animali per farne carne da mangiare; è per questo motivo che pur essendo molto attratta dal libro di Safran Foer "Se niente importa" me ne tengo alla larga, pavidamente.
"Silver Spoon" è ambientato in un istituto agrario, frequentato perlopiù da figli di allevatori o proprietari di aziende agricole; il nostro protagonista (Yugo Hachiken) è perennemente spaesato perché estraneo all'ambiente e soprattutto incerto sul suo futuro: attraverso i suoi occhi ingenui vediamo come si svolgono nei minimi particolari tutte le fasi dell'allevamento degli animali, a cui lui tende ad affezionarsi (qui un mio "Ritaglio" dal manga).
Il Tex che vedete nella foto non è più in edicola (mentre il numero seguente, dove si conclude l'avventura, lo è ma fino al 7 marzo); la storia è scritta da Mauro Boselli e disegnata da un grande Stefano Andreucci. Se siete un minimo interessati al genere cercate di recuperare il n. 627, ne vale la pena: disegni allo stesso tempo classici e moderni nel segno e nella costruzione delle vignette, storia non banale in cui Kit ha un ruolo importante (e in cui c'è una donna che non è decorativa).
"Mister Wonderful" non l'ho ancora letto - ma io le cose di Daniel Clowes le prendo a scatola chiusa, fino ad adesso non mi ha mai deluso.
Altro manga: "Yawara!" di Naoki Urasawa (l'autore di capolavori come "Monster" e "20th Century Boys"), un lavoro che risale agli inizi della sua carriera: oh, era già bravo e maturo all'epoca, sebbene con uno stile meno personale di quello che si vedrà nei sopracitati capolavori. La protagonista è una giovane ragazza dotatissima nel judo, costretta a praticarlo dal nonno che la sogna campionessa futura del Giappone; lei invece sogna una vita normale e un ragazzo, da qui il motore della storia (l'ho appena iniziato a leggere, interessata soprattutto alle dinamiche e sintetiche rappresentazioni delle scene di lotta).
Infine ho visto in fumetteria l'albetto di Ratigher (Superamici) "Le incredibili avventure di Tuta Teschio e altre storie a caso", l'ho preso perché sono sempre attirata dai fumetti "diversi" - anche se con l'età aumenta la pigrizia mentale e alla fine mi diverto più con il fumetto mainstream che con altro.

Una mia cara amica ha la passione per Steinbeck; in questo periodo stava leggendo uno dei suoi libri, ne abbiamo parlato un po' - io 30 anni fa credo di aver letto "Uomini e topi", mentre più di recente avevo letto l'inizio di "Pian della Tortilla", che pure mi stava piacendo (ma poi il libro che non era mio mi è sfuggito, per farla breve). Alla fine ho deciso di prendere "Furore" in ebook, ma adesso mi accorgo che sul forum di Podcast Hall è possibile reperire il podcast del libro, mi sembra nella lettura di Baricco. Avendo davvero poco tempo per la lettura vorrei provare ad ascoltare se il podcast mi garba (ad un primo piccolo ascolto noto che l'audio non è buonissimo, c'è un lieve rumore di sottofondo che spero di poter eliminare con qualche software audio). [AGGIORNAMENTO: ho provato con Audacity a togliere il rumore di sottofondo ma non ci sono riuscita, al massimo me ne abbassa il volume (senza ridurre il rumore, peraltro); poi ho trovato anche il radioracconto del film di John Ford tratto da "Furore" sul sito di Hollywood Party]
A proposito di podcast mi è capitato di recente di ascoltare l'audiolibro di "Dracula" di Bram Stoker; per certi versi è stata una sorpresa, tanto questo libro è stato saccheggiato, reinterpretato, usato per letture le più diverse. Mi ha colpito in particolare la struttura (non il fatto che sia un romanzo "epistolare", quanto proprio la complessità del gestire tutti i vari punti di vista e anche la cronologia, per così dire) ma soprattutto l'accento sulla dimensione religiosa - richiami frequentissimi a Dio, alla salvezza dell'anima, alla lotta tra il bene e il male, al Diavolo.
Mi piacerebbe leggere qualche saggio (libro o articolo) su questo tema, ma online non ho trovato quasi nulla, tranne questo testo.

Notizie fumettistiche veloci: a Bologna fino al 7 aprile potete vedere la mostra di Mattotti "Oltremai", 50 disegni a china su carta di affascinante bellezza; se non potete andare (come me) guardatevi la sezione "Encres" del suo sito.
Su Facebook Gipi ha postato qualche tavola del suo prossimo fumetto, ma le trovate anche qui: sono degli acquerelli stupendi, non vedo l'ora che il libro venga pubblicato.
Le Edizioni If continuano nella pubblicazione in digitale di classici del fumetto: è la volta de "Lo sconosciuto" di Magnus.
Infine Davide Castellazzi su uno dei suoi blog ha pubblicato un mio bozzetto di qualche anno fa per una copertina di "Capitan Miki" - lavoro che poi non è andato in porto.

4 commenti:

  1. Ti consiglio la lettura del libro di Foer: dopo non sarai più la stessa.
    Non sapevo di Yawara! Chi lo pubblica? A quale numero si è già arrivati? Adoro Urasawa!

    RispondiElimina
  2. Forse Safran Foer non lo voglio leggere proprio per il motivo che indichi...
    Trovi tutte le info per l'albo di Urasawa al link sul nome Yawara!, il primo numero è appena uscito.

    RispondiElimina
  3. Invito - italiano
    Io sono brasiliano.
    Dedicato alla lettura di qui, e visitare il suo blog.
    ho anche uno, soltanto molto più semplice.
    'm vi invita a farmi visita, e, se possibile seguire insieme per loro e con loro. Mi è sempre piaciuto scrivere, esporre e condividere le mie idee con le persone, a prescindere dalla classe sociale, credo religioso, l'orientamento sessuale, o, di Razza.
    Per me, ciò che il nostro interesse è lo scambio di idee, e, pensieri.
    'm lì nel mio Grullo spazio, in attesa per voi.
    E sto già seguendo il tuo blog.
    Forza, pace, amicizia e felicità
    Per te, un abbraccio dal Brasile.
    www.josemariacosta.com

    RispondiElimina
  4. Grazie di essere passato di qui, José Marìa, purtroppo è un po' difficile dialogare non conoscendo le rispettive lingue, andando sul tuo blog ho visto che Google traduttore non fa un buon servizio...Ciao

    RispondiElimina