Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



martedì 16 febbraio 2010

Parlare di fumetti


In questo post vorrei indicare un po’ di siti di critica fumettistica, o comunque dove si riflette anche su cosa è il fumetto, sui modi di farlo e fruirlo – mi riferisco a un paio di blog di sceneggiatori, ad esempio, dove gli argomenti sono molto vari ma non mancano le riflessioni sul proprio lavoro o quello altrui.
Personalmente capisco poco di teoria del fumetto e sono sempre affascinata da chi riesce ad approfondire taluni aspetti di questo modo di raccontare che spesso mi sono poco chiari – vivo istintivamente il fumetto sia come lettrice che come disegnatrice.

I siti che citerò sono più che altro blog personali – ho volutamente omesso i grandi siti generalisti, i portali – e comunque sono quelli che mi è capitato di conoscere fino ad adesso che mi abbiano dato degli stimoli, magari non essendo talvolta in accordo con alcuni dei ragionamenti lì espressi, il che è normale in un campo così magmatico come quello del fumetto.
Inizio consigliando il blog di Paolo Interdonato, che da anni legge e parla di fumetti e arte visiva con occhio di riguardo per certo fumetto americano degli anni d’oro – ma si fa prima a dare un’occhio alla recente incarnazione di “Spari d’inchiostro” con l’avvertenza – per chi è interessato solo ai discorsi parafumettistici – che Interdonato scrive anche d’altro (in caso di ricerche mirate usare le Tag in nuvola presenti sulla colonna di destra). Qui il vecchio blog, e qui un breve accenno alle giornate di Streep, il minifestival fumettistico organizzato a Milano non molto tempo fa di cui Interdonato è stato uno degli organizzatori, ma soprattutto il link al sito dove si possono leggere i pannelli esposti alla mostra che condensano il percorso storico del fumetto “di realtà” o “giornalistico”.
Un amico/duellante d’idee di Interdonato è Boris Battaglia, pungente divulgatore dell’ideale anarchico e critico del non-fumetto (quello bonelliano in primis). Ostico nella lettura, a volte, ma da leggere: sull’”Ippoghigno nella bruma” si trova anche una serie di post ad argomento “Bonelli” con relative accese discussioni nei commenti (da qualche parte ci sono anche un paio di miei interventi), per la precisione sono reperibili all’interno dell’etichetta “Struttura e fumetti”; altri post inerenti al fumetto si trovano sotto l’etichetta “Vera storia del fumetto” e “Teoria di lettura dei fumetti”.
Da non molto sulla rete è sbarcato “Harry dice…” che parla esclusivamente di fumetti in maniera abbastanza personale e con atteggiamento aperto, pronto all’evoluzione del suo pensiero; e come minimo suggerisce letture interessanti che altrimenti potrebbero sfuggire tra la marea di uscite in fumetteria.
Ancora più recente è la presenza del blog “Fumettologicamente” redatto da Matteo Stefanelli che consiglio per l’interesse dei temi trattati.
Un altro blog potenzialmente interessante (ma discontinuo negli aggiornamenti, peccato) è “GRAPHIC NOVEL: il fu Fumo” di Claudio Nader, che come si evince dal titolo appunta la sua analisi sul fenomeno “graphic novel” – o come le volete chiamare.
Chiudo consigliando due blog realizzati da veri fumettisti, due sceneggiatori abbastanza estrosi e dai molteplici interessi (cinema, musica, attualità, curiosità, ecc.): l’avvertenza è sempre quella di andare a cercare nelle etichette i riferimenti al fumetto, se è questo che interessa.
Dalla parte di Asso Merril” è il blog dello sceneggiatore Roberto Recchioni che ha ormai una vasta e varia carriera alle spalle (tanto per citare un minimo: “John Doe”, “David Murphy 911”, sceneggiature per “Dylan Dog”, “Diabolik”, varie testate Eura , ecc.).
Diegozilla” è lo scoppiettante blog di Diego Cajelli (una colonna di "Dampyr" ormai, ma non solo) che mi ha assicurato molti momenti di buonumore – sia che parlasse di fumetti, sia che parlasse d’altro!

Sono graditi consigli su altri blog dove si possono trovare articoli di critica fumettistica, grazie!

5 commenti:

  1. vivo istintivamente il fumetto sia come lettrice che come disegnatrice.
    Contento che sei contenta del tuo mestiere!

    RispondiElimina
  2. E smettila di proporre fonti di distrazione! :-)

    Trovo anche interessanti i blog degli sceneggiatori Tito Faraci e Giorgio Salati.

    Ciao!

    RispondiElimina
  3. @juhan: non ho ancora incontrato un fumettista che non fosse contento di fare il mestiere che fa! magari potrebbe essere insoddisfatto di certi corollari del sudetto mestiere (tipo un compenso inadeguato, ritardi nei pagamenti) ma sarebbero aspetti comuni ad altri mestieri.

    @Massimo: hai ragione, ma ancora non ho finito con le fonti di distrazione!
    Ottimi i consigli dei blog, avevo dimenticato quello di Faraci, mentre Salati non lo conoscevo (bazzico poco il mondo Disney!).

    RispondiElimina
  4. ogni tanto passo per un saluto! ciao

    RispondiElimina
  5. Ciao Bufi, sei molto gentile...

    Andate a vedere il blog di Bufi, che è un disegnatore bravissimo!

    RispondiElimina