Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



sabato 26 marzo 2011

Bollettino fumettoso

Giovedì scorso ho consegnato le  ultime 9 tavole del fumetto per "Universo Alfa/La squadra fantasma". Come in tutti i casi in cui si termina un lungo lavoro i sentimenti sono diversi: soddisfazione, malinconia, riflessioni (perché quella vignetta l'ho disegnata così? perché non ho fatto caso a quella cosa?), stanchezza, e altro che non saprei neanche spiegare.
Non mi dispiace tornare a disegnare numeri di 94 tavole, se non altro perché avrò il modo di poter cambiare qualcosa nel mio modo di disegnare (o di organizzare il lavoro) senza dover aspettare un anno e mezzo!
Per circa un mese e mezzo adesso tornerò a lavorare alla storia di Mirko Perniola per "Agenzia Alfa" (ne ho disegnate 22 tavole per adesso), per poi affiancargli un Nathan Never che dovrebbe uscire a maggio 2012 (scritto da Davide Rigamonti - in edicola adesso una sua storia).

Segnalo inoltre un paio di post dal blog "Fumettologicamente" (da me spesso citato e saccheggiato) che mi permettono di dare consigli di lettura: uno riguarda ormai un classico della storia del fumetto - "Alack Sinner" di Muñoz e Sampayo (in particolare nel post linkato Matteo Stefanelli analizza il significato dei primi piani nelle tavole di Muñoz - e mi viene voglia di rileggere tutte quelle storie lì, specie le prime); un altro riguarda un fumetto contemporaneo, una serie scritta dal bravissimo Brian K. Vaughan, "Ex Machina", attualmente ancora pubblicato in volumi da Magic Press.
Nel post di Stefanelli vengono indicati i link alle tre parti di un articolo scritto da Andrea Alberghini di Comics Metropolis su Ex Machina: rende merito alla complessità di questa serie che è riuscita a parlare di politica americana con brillantezza e ironia (e pazienza se ad alcuni non piacerà molto lo stile del disegnatore Tony Harris, utilizzatore di foto ma molto efficace nel rappresentare New York e la varietà dei suoi abitanti).

Copyright© immagine Sergio Bonelli Editore

12 commenti:

  1. Ciao Patrizia. Son contento che citi il blog Comics Metropois, perché Andrea Alberghini è un mio caro amico (amicizia nata facendo insieme gli obiettori di coscienza...). Ne sa molto di fumetti e, tra l'altro, è stato anche uno dei due curatori della mostra "Eroi oltre i confini" dedicata a Giulio De Vita.

    RispondiElimina
  2. Eh, purtroppo ho scoperto il blog solo grazie alla segnalazione di Stefanelli - chissà quanti altri ne ignoro!
    Tra l'altro ho visto l'allestimento della mostra su De Vita ed è davvero suggestivo...

    RispondiElimina
  3. A sapere che l'hai finito viene ancor più voglia di leggerlo :) anche se un po mi dispiace che sia la fine...

    RispondiElimina
  4. Elisa, il saggio direbbe "nulla finisce, tutto si trasforma"! Cambiare un po', andare avanti...dopo un po' è bene così...

    RispondiElimina
  5. Andate a Bologna a vedere la mostra di Munoz fino al 10 aprile, è bellissima, ci sono tantissime tavole originali.
    Piene di pezze, cancellature, sbianchettate, vissute.
    Ho preso "Alan Skinner - trovare e ritrovare" ma lo devo ancora leggere.

    Complimenti per la tavola che hai postato soprattutto la prima e quarta vignetta.

    RispondiElimina
  6. Dubito di riuscire ad andare a Bologna ma è un bel consiglio - Muñoz è un grandissimo artista.

    RispondiElimina
  7. Quella che hai postato è davvero una bella tavola, Patrizia. Complimenti allora per aver concluso questo lungo lavoro e buon divertimento e buon inizio per il prossimo (anche se hai già cominciato tempo fa).

    RispondiElimina
  8. Mitica, in effetti volevo giusto chiederti cosa si provasse dopo un lavoro così colossale e mi aspettavo cose tipo "scappo alle bahamas" o "aspetto le correzioni e scappo alle bahamas" o "dormo 1 mese". Leggere che sei già su altro progetto destabilizza positivamente! :-)

    RispondiElimina
  9. Luigi@: grazie per gli auguri - per quanto riguarda la tavola a voler essere pignoli avrei voluto fosse un po' meno "fredda", ma pazienza...
    giò11@: mi sto facendo la fama di stakanovista ma non è proprio così; non m'ammazzo di lavoro, è che non riesco a ottimizzarlo! La mia lentezza poi non mi permette nè grandi soste nè grandi vacanze :)

    RispondiElimina
  10. Complimenti per la tavola e per il tuo volume finito! :)

    RispondiElimina