Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



giovedì 28 aprile 2011

Il lavoro attuale

In attesa di tornare a disegnare un albo di Nathan Never (la sceneggiatura dovrebbe cominciare ad arrivarmi a metà maggio) sto proseguendo la storia per Agenzia Alfa scritta da Mirko Perniola, con protagonisti May, Branko e Kay (a proposito, Mirko sarà presente a giugno alla manifestazione ParmaFantasy).
Ho già postato qualche tavola, tempo fa; questa che vedete qui riprodotta è la numero 32. Per la gioia dei detestatori dei retini posto anche la versione “pulita”, nonché la matita abbastanza veloce che fa da base: inchiostrando al computer non ho bisogno di essere molto precisa, anzi, spesso in Manga Studio aggiungo particolari, sistemo proporzioni e prospettive.
In questa scena sono presenti in didascalie i pensieri di Branko (posizionati in alto a sinistra di ogni vignetta, più una didascalia in basso a destra nell’ultima vignetta).
Per ingrandire cliccare sulle immagini.

Tav32matAff.fam. 32retAAff.fam. 32ret

Copyright immagini©Sergio Bonelli Editore

9 commenti:

  1. Fantastico! Curiosità: come si possono fare con Manga Studio le vignette con gli angoli arrotondati?

    RispondiElimina
  2. Ale@: non si possono fare! Ovvero, non sono previsti template con vignette dai bordi arrotondati, per cui l'unica è fartene uno tu e salvarlo (lo ritroverai poi nei Materials settore User).
    Se invece la necessità è limitata solo a poche vignette (come capita a me) si interviene sugli angoli delle vignette originali, ortogonali: su un livello superiore si fanno dei cerchi agli angoli, si cancella il di più (usando magari il bianco che copre il nero, dato che il contorno del Panel non si può cancellare).

    RispondiElimina
  3. Bella tavola. Solo una cosa, correggimi se sbaglio: le matite sono matite autentiche su carta (nel senso che non sono digitali), altrimenti non si spiegherebbe quella piega in mezzo al foglio.
    Poi per l'inchiostrazione e i retini hai usato manga studio. Tutto giusto?

    Nel caso la risposta fosse "si", allora la domanda è: la tavola a matita la realizzi nello stesso formato nel quale la realizzavi prima (quando inchiostravi a china) o è più piccola adesso?

    So che una domanda un po' così. Ma stavo parlando di una cosa del genere con un amico proprio qualche tempo fa :)

    RispondiElimina
  4. Mauro@: grazie...
    Luigi@: Sì a entrambe le domande :)
    Continuare a disegnare sullo stesso formato dal "vero" mi permette di avere una visione d'insieme della tavola, e anche le misure a schermo sono uguali a quelle reali (nel senso che il mio template in Manga Studio presenta le stesse misure in cm della tavola reale)- questo per non creare discrepanze su un segno che poi verrebbe fuori troppo fine o grosso, insomma troppo diverso da come ero solita disegnarlo prima della mia era digitale.

    RispondiElimina
  5. Capitissimo!
    Ho capito il discorso.
    Grazie per il chiarimento :)

    RispondiElimina
  6. Grande Patrizia e ottima tavola! Secondo me riusciresti a fare pure le matite in digitale. E' vero però che perderesti l'unica alternativa manuale che ti tiene legata al...passato.

    RispondiElimina
  7. Le matite sono veramente belle!!!
    Rimango un nostalgico delle cose fatte a mano, e Boscho lo sa bene gli rompo sempre le scatole ;)

    RispondiElimina
  8. Boscho e Finello@: alle matite "vere" non rinuncio, sia per mantenere il rapporto con la carta, sia perché mi è utile per le proporzioni.
    Non sono contro il fare le matite al pc, purché si alternino i momenti di disegno digitali con quelli su carta, in ogni caso.

    RispondiElimina