Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



giovedì 3 aprile 2014

Varie -62



11 commenti:

  1. Nei gg in cui Fergal festeggia 85 anni per la maggior parte al servizio di Zagor ( Auguri ! ) è bello poter vedere quei due bizzarri dinosauri di McKellen e Stewart allegri e complici come due personaggi di Neil Simon.
    Peccato che la Casa delle Idee continui a bocciare la mia idea di raccontare in una mini What If la storia di uno Xavier giovane, nero e dinoccolato , con tanto di chioma afro in cui possa sparire tutta intera una matita SBEllica e non , che vive ad Harlem negli anni in cui Arnold non ci era ancora arivato e bisticcia con l'ariano, magnetico Erik ricalcato sul dentista di sir Larry nel Maratoneta ( is it safe ? brr ). Pensavo di farla disegnare a Dean Haspiel, ma Quesada e soci non erano tanto per la quale ( " Magneto è scampato ai campi di concentramento: non possiamo farne un simil nazi e Charles è un intellettuale quindi è calvo ! " ). Cattivi.

    RispondiElimina
  2. Bello, al solito; bello il commento di Crepascolo.
    Ma una curiosità: la foto è a colori? o photoshoppata?

    RispondiElimina
  3. Grazie a Crepascolo che mi ha fatto conoscere Dean Haspiel - chissà perché non l'ho mai incrociato, mi gusta parecchio.
    @Juhan: la foto di Kristal è a colori, al naturale.

    RispondiElimina
  4. Sembra davvero B/N a parte l'occhio e il collare. Un po' come faceva il mio amico Franco, quando eravamo giovani.

    RispondiElimina
  5. In italiano puoi trovare poca roba di Dean " Dino " Haspiel: una sua storiella con Cap ed un Falcon in stile blaxploitation nel volume per i 50 anni del personaggio ( cover di Alex Ross, storie di Deodato jr, Tony Salmons, Pope e ripescaggi di Kirby, Steranko e Miller tra le altre cose ) una storia con un giovane JJJameson in un Uomo Ragno di cui non ricordo il numero ( primi anni della rivoluzione Quesada, tratto da una testata tipo Webspinners con contributi di cartoonists lontani dal Marvel Style classico come Dino o Mahfood ) ed il graphic novel L'alcolista , autobio in b/n di Jonathan Ames ( da noi x Planeta , una di quelle cose sperimentali della Vertigo di qualche anno fa che portò anche i bonellidi come lo Hellblazer di Dell'Edera ).
    Quando la SBE sarà mia - sto risparmiando centesimo su centesimo vivendo di carrube - Dean disegnerà una serie ongoing di Groucho ( che riprenderà il mood dei famosi otto specialini ).

    RispondiElimina
  6. Purtroppo non è il primo fumetto in ePub nel catalogo Rizzoli. Infatti si tratta proprio del primo romanzo NON a fumetti di Sfar: http://www.rizzoli-lizard.com/leterno-joann-sfar :)

    Poi, di questa cosa che le ristampe "prestigiose" di Corto e Ken Parker escano lo stesso giorno in edicola (11 aprile), non me ne capacito proprio. Andrò in edicola a guardarle e riguardarle, ma proprio non posso cedere (ho già 4 edizioni diverse del primo e 2 del secondo). Però il "Tutto Pratt" sembra cosa buona e darà una buona occasione a chi non conosce le sue opere meno note.

    RispondiElimina
  7. Grazie Luigi, correggo, mi sembrava strano in effetti.
    Per le ristampe: è un accavallarsi che non fa bene, il pubblico più o meno è lo stesso, e insomma...Io non ho tutto Pratt, vedrò cosa mi interessa (ma il problema dello spazio sta diventando per me urgente, devo pensare a qualcosa).

    RispondiElimina
  8. Non hai tutto Pratt e ha problemi di spazio?
    http://www.ibs.it/ebook/ser/serfat.asp?site=ebook&xy=hugo+pratt

    :)

    P.S.: Però, se non ho capito male, sono tutti PDF.

    RispondiElimina
  9. Sì, sono pdf, pure con DRM - un'accoppiata micidiale...

    RispondiElimina
  10. @Crepascolo: troppo sparso Haspiel, se mi ricordo chiederò in fumetteria cosa è possibile trovare lì per lì. Quando comprerai la Bonelli immagino che lo saprò subito:)

    RispondiElimina
  11. E dimenticavo la sua mini sulla Cosa dei Fantastici Quattro in un balonettero da 25 euros dedicato al team di Reed Richards che contiene anche un annual di Claremont/Ferry , un what if disegnato da Pacheco e la famosa Molecole Instabili ( disegni di un Guy Davis + essenziale ed europeo del solito e quindi x me meno intessante di quello di Sandman Mystery Theatre ) in cui si ipotizza che i FF siano quattro persone reali e verosimili nei giorni di On The Road, di Sandra Dee e delle contraddizioni che non si vedevano in Happy Days.
    Non mi manca poi molto a raggiungere il grisbi necessario a mettere le manine sulla SBE - sto pensando comunque di vendere nel mercato nero tutti gli organi che ho in numero pari per fare prima - e penso che per allora varerò testate che ricordino il mio sacrificio: stavo pensando ad un remake 21mo secolo di una sfortunata idea di D'Antonio - solo che nel mio caso la serie si chiamerà Bella ed il suo Bronco ovvero la storia di una sciantosa equina alessiamarcuzzistyle ( please, controllate le cover originali ) che è una sciamana bianca e legge il futuro nelle sue stesse frattaglie che asporta dopo il crepuscolo. Immagino che la critica penserà si tratti di una sapida rilettura del problema della proprietà del corpo della donna. E solo io , nel mio sancta sanctorum in via Buonarroti, accarezzandomi una orbita vuota con l'unica mano saprei la verità...

    RispondiElimina