Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



martedì 10 luglio 2012

Link fumettosi e l'angolo della vignetta

  • Sono diventata direttrice dell'"Eco del Potere"! Oh, e ho preso il posto di un tale Mignola...No, non è il caldo, andate a vedere il sito di VIP - Very Important Powers del dinamico duo Yesterday e Gallaurese!
  • Sul sito del Corriere è iniziata la pubblicazione giornaliera a puntate de "Una ballata del mare salato" di Hugo Pratt, versione a colori (ci sarà pur qualcuno che non l'ha letta).
  • Non sono fumetti ma illustrazioni, da vedere in ogni caso: progetto dei grafici James e Michael Fitzgerald, ospitati su il Post.
  • Tito Faraci conduce un nuovo podcast a tema fumettistico ("Tizzoni d'inferno"); la prima puntata è più un'introduzione che altro, ma il consiglio c'è ed è quello del Texone "La cavalcata del morto" di Boselli e Civitelli. Il podcast lo trovate anche su iTunes.
  • Davide Castellazzi parla della "meravigliosa semplicità" delle storie a fumetti di Eleonora Antonioni.
  • Qualche anno fa sono stati pubblicati un paio di volumi degli "Sketchbook diaries" di James Kochalka, delle microstorie giornaliere autobiografiche. Adesso è uscito in digitale (a soli € 1,59 - in inglese) quello che è il corrispettivo (quasi) del primo volume cartaceo che copre tutto il 1999.
  • A proposito di cose in digitale segnalo la serie "Rasl" di Jeff Smith, l'autore di Bone; qui una bella recensione (gli albi non sono ancora stati tradotti in italiano), io ho potuto scaricare gratis il primo numero e il disegno mi sembra magnifico.
  • Mark Frauenfelder scrive su BoingBoing: "I had no idea that the great Gilbert Hernandez released a new comic book mini-series today"; neanche io, e a quanto pare anche questo fumetto   (sembra un po' cruento e dallo stile sempre più grafico) si può trovare in digitale all'interno della app della Dark Horse (sia per Apple che per Android).
  • Non fumetto ma animazione: non ho visto "Tron: Legacy" e neanche il film classico del 1982, comunque Masayume mi segnala la possibilità di vedere un video animato in 3DCG, "Tron Uprising"- non so cos'è, ma è da darci un'occhiata.
Infine inauguro un'altra mini rubrica, "L'angolo della vignetta", in cui commento brevemente non gli albi a fumetti che mi hanno colpito, ma le singole vignette o immagini: mi sono accorta che a distanza di anni ho ancora presente e viva l'impressione che mi fece una particolare vignetta, o perché ero stata affascinata dalla particolare resa stilistica, o perché in quel momento l'immagine mi aveva stimolato chissà quali sentimenti.
Parto con una striscia (le due vignette vanno lette insieme, anche se per la precisione quella che mi colpì è quella a destra) tratta da "Giorno", fumetto di Andrea Pazienza (in bianco e nero) uscito su Frigidaire del gennaio 1981 (il n. 3). Io lessi questa storia pochi anni dopo (credo intorno al 1984/85), quando colsi al volo un'offerta della rivista Frigidaire (che leggevo da poco) che in cambio dell'abbonamento di 1 o 2 anni regalava i primi 12 numeri della rivista.
Andrea Pazienza fu un mio mito di quei anni, assieme a Pratt e Moebius. Quella vignetta all'apparenza semplice con la raffigurazione di una caffettiera gorgogliante mi è rimasta impressa a fuoco: ricordo che quando la vidi per la prima volta ebbi l'impressione di sentire il rumore e persino l'odore del caffè che veniva su. 
Lo scopo di un fumetto non è certo suggerire esperienze sinestetiche, ma talvolta queste sono prodotti collaterali del nostro personale modo di leggere una storia - e va bene così!

P.S. Inutile dire che il fondino bianco colpisce ancora senza che io abbia fatto copia e incolla o cose strane; se continua così dovrò pensare a cambiare piattaforma, eh!

11 commenti:

  1. Il problema del fondo bianco è che copi da un testo con font e tutto il resto (tra cui formattazione e sfondo). Dovresti passare a un editor di solo testo, quelli usati dai programmatori. Appena metto le mani su un Mac ti dico il nome del programma, credo sia qualcosa come Simpletext, quello che produce i file .txt su Windoze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non copio un bel niente! E' tutto scritto di sana pianta all'interno dell'editor di Blogger! E fino all'altro giorno non mi ha dato problemi di nessun genere.

      Elimina
    2. Prova con questo, è free http://www.barebones.com/products/textwrangler/
      Altrimenti c'è un problema nel modello (e sono K***y) o un bug come quello che per diversi mesi sbagliava la data dei commenti.

      Elimina
    3. Be', io sul Mac oltre a Libre Office ho Abi Word, Pages, Text editor...se si tratta di scrivere un semplice file di testo posso usare uno qualsiasi di questi no? Ma poi devo copiare e incollare, giusto? Forse dovrei provare a cambiare Modello del blog?

      Elimina
    4. Se hai ancora un PC Windows (o hai la possibilità di accedere a uno) prova con il Blocco note (notepad.exe).

      Elimina
  2. Complimenti direttrice :)

    In_mezzo_alla_segale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, grazie!, mi sono lasciata andare a un momento di vanità (sebbene il magnifico duo di VIP mi abbia proposto di apparire anche come immagine, ma io ho preferito lasciare la scena a Milou - decisamente meglio!)

      Elimina
  3. Gli auguri per il nuovo ruolo di direttrice dell'Eco del Potere, te li ho fatti altrove :) Quanta bella roba, comunque. Non ho potuto fare a meno di ripostare a mia volta la notizia di Corto Maltese sul Corriere. SketchBook Diaries e Rasl sono due gioiellini. Del primo attendo ancora il terzo volume della Fernandel. Del secondo prevedo a breve la stampa da parte della Bao Publishing. Speriamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu dici che la Fernandel dopo tanto tempo pubblicherà il terzo volume? Per Rasl invece credo che basterà aspettare pochi mesi.
      Per Corto Maltese: nonostante le storie siano colorate (per me la lettura è obbligatoria in bianco e nero!) l'operazione spero sia utile per qualche giovane che magari non si sarebbe mai comprato quei fumetti lì, anche solo per darci un occhio, sia mai che a qualcuno possano piacere; no perché leggendo qualche commento su un forum di fumetti mi sono resa conto che per le nuove generazioni quelle storie lì dicono poco, credo che siano lontane dalla loro cultura e sensibilità.

      Elimina
    2. Alle nuove generazioni quelle storie dicono poco? Triste quel mondo. Non ci voglio neanche pensare. Ma forse è normale ad una certa età. In fondo quando ero giovane io, non apprezzavo certo come oggi i classici degli anni '60 e '70. Poi con il tempo... fortunatamente... :)

      Elimina
  4. Ed ecco la conferma per Rasl: http://feeds.blogo.it/~r/comicsblog/it/~3/78WDd2Of51I/bao-publishing-annunciato-rasl-di-jeff-smith

    RispondiElimina