Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



lunedì 5 novembre 2012

Altri fumetti in formato digitale (e non)

Torno a parlare di fumetti come promesso nel post precedente; sto un po' meglio, per quel che è possibile.

Le Edizioni IF hanno varato da poco una collana di fumetti in formato digitale per la piattaforma Apple, iFumetti Imperdibili: tra le riproposte di personaggi ormai classici troviamo La Storia del West di D'Antonio, Calegari e Polese, I Protagonisti n. 1 ("George A. Custer" di Rino Albertarelli), Il Grande Blek, Capitan Miki, Isabella, Sadik, Il Piccolo Ranger, Kit Carson- tutti numeri 1 per adesso.
Gianni Bono (direttore delle Edizioni IF) sul suo blog ha presentato questa iniziativa anticipando che sono in programma le versioni digitali di altri fumetti, e annunciato anche la pubblicazione di un volume veramente interessante sulla storia del fumetto italiano: "Fumetto! 150 anni di storie italiane".
Il ponderoso volume (più di 500 pagine dense di schede articoli e tavole) è curato da Matteo Stefanelli che si è avvalso della collaborazione di numerosi autori. Il costo è impegnativo (60 €), ma data la natura del volume del tutto comprensibile; su IBS però potete trovarlo a 45 €.

La Rizzoli Lizard continua a far uscire fumetti in versione digitale: tra le ultime uscite si segnalano "Enigma" di Francesca Riccioni e Tuono Pettinato (qui un interessante post sul libro), "Topolino nella valle infernale" di Floyd Gottfredson e "Paperino - Il mistero degli Incas" di Carl Barks, "Il mio miglior nemico" di David B., "The Full Monti" di Makkox, ecc. (tutti volumi in PDF).

Anche in ambito bonelliano abbiamo le prime versioni digitali di albi a fumetti, in questo caso presentati anche tramite una app (gratis) tutta dedicata a Martin Mystère in occasione del trentennale del personaggio (qui un video con Alfredo Castelli che presenta la novità).

Altra novità è l'arrivo di una app per le Edizioni BD, che già avevano rilasciato tempo fa una app per i manga, J-Pop. Si possono trovare i fumetti di Buffy, di Silvia Ziche, Maurizio Rosenzweig, ecc.
Un'ultima notizia parla della fusione tra GP Publishing e BD Edizioni/J-Pop.

E' appena uscito un libro su Hugo Pratt scritto da Laura Scarpa, "Hugo Pratt. Le lezioni perdute". Prossimamente notizie più approfondite su questo volume dalla voce della curatrice, qui su questo blog.

Il disegnatore Alessandro Bignamini ha aperto da poco un blog, e lo ha inaugurato con disegni e schizzi riguardanti il personaggio di Greystorm, miniserie Bonelli conclusasi a fine 2010.

Si è conclusa ieri Lucca Comics and Games 2012 con un record di visite; Michele Medda in suo tweet ha scritto: "Quando ci sarà proporzionalità tra l'afflusso di pubblico a Lucca Comics e le vendite dei fumetti allora esulterò. Ma solo allora."
Leo Ortolani invece ha vissuto la manifestazione di Lucca dal di dentro, come racconta in questo divertente post non esente da osservazioni ironiche e perplessità.

9 commenti:

  1. Si, però come si fa a mettere su una serie come I Protagonisti, ma solo per il digitale? Io la voglio anche su carta :)

    Questa cosa di GP e BD non la sapevo. Curioso.

    E comunque, quella di Michele Medda è una sacrosanta verità.

    Mi fa piacere che tu abbia ripreso a postare, Patrizia.

    RispondiElimina
  2. Mi sembra che le edizioni IF Il comandante Mark e Capitan Miki li hanno già stampati su carta; per gli altri personaggi è già tanto che ci siano versioni digitali, purtroppo per i costi di una stampa cartacea se non si hanno un minimo di lettori si va subito in perdita - ed è il caso direi della maggior parte dei fumetti!

    RispondiElimina
  3. La IF è (o è stata) in edicola anche con Mark, Miki, Mister No, Blek, Storia del West e Il Piccolo Ranger. Io mi riferivo proprio solo alla collana "I Protagonisti" che sembra davvero parecchio interessante. Poi voglio dire, Rino Albertarelli... come fai a non averlo su carta, dai.

    P.S.: Mamma mia che discorso da vecchio :D

    RispondiElimina
  4. Ehm...di Albertarelli su carta ho pochissimo, e non so neanche dov'è. Non avevo comunque il volume su Custer, che adesso sto leggendo!

    RispondiElimina
  5. Ottima l'iniziativa della IF. Io sarei interessato a comprare l'intera collezione del Piccolo Ranger in formato digitale. Ma non capisco perche' abbiano scelto il formato iBook che impone un sacco di vincoli a chi legge (anche se presto, pare, si potranno leggere gli iBooks anche su computer Macs e non solo iPod, iPad, iPhone). Perche' non andare con un fermato accessibile anche a chi invece usa prevalentemente PC? Non amo molto l'Apple che ti costringe a comprare tutto quello che butta fuori, utile o meno. E' un peccato perche' veramente avrei comprato l'intera collezione in digitale senza neanche pensarci tanto sopra.
    Maurizio

    RispondiElimina
  6. Io sapevo che stavano lavorando per le versioni anche per Android, temo siano in ritardo ( per tutta una serie di motivi credo sia più facile fare prima le versioni per Apple, farle subito per entrambe credo venga a costare, e adesso in questo settore soldi ne girano pochini).
    Comunque mi informerò per sapere a che punto stanno.

    RispondiElimina
  7. Grazie per l'interessamento.

    RispondiElimina
  8. Allora, per adesso so che inizieranno con il formato per Amazon da settembre. Per le app per Android non so, devo approfondire.

    RispondiElimina
  9. Grazie per le informazioni Patrizia.
    Ad essere sinceri, in rete si trovano molti numeri de Il Piccolo Ranger in formato digitale (cbz o cbr, piu' precisamente) e, in generale, di qualita' piu' che passabile. Certo pero' sarebbe bello avere tutta la collezione con tutti i volumi e le pagine belle pulite.
    Nella discussione "digitale si - digitale no", io sono tra coloro che pur comprendendo la bellezza del cartaceo, ho accumulato un numero di libri e fumetti tale che oramai il posto e' esaurito e non potrei piu' accumulare fumetti in cartaceo. Inoltre, i miei numeri del Piccolo Ranger, diciamo dall'1 al 30-40, la carta ha cominciato a diventare giallognola... Secondo me, quando furono stampati negli anni 60 non furono concepiti per durare molto a lungo... Uno dei problemi della carta se non viene trattata chimicamente....

    RispondiElimina