Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



lunedì 26 aprile 2010

Consiglio fumettistico


Sì, ultimamente mi sta capitando spesso di suggerire delle letture fumettistiche che mi sembrano valide; questa volta si tratta di una ristampa economica (cosa da non sottovalutare, solo 4,95 euro al mese) di un capolavoro dei fumetti degli ultimi anni: "Y L'ultimo uomo" di Brian K. Vaughan e Pia Guerra a cura della Planeta-De Agostini.
Vaughan è noto in Italia anche per "Ex-Machina", una variazione del tema del supereroe "normale", qui calata nell'attualità di una New York ripresa dal punto di vista dei suoi meccanismi politico-sociali: molto interessante.
Sia in "Y L'ultimo uomo" che in "Ex-Machina" la caratteristica di Vaughan che salta più agli occhi è la brillantezza dei dialoghi, serrati, ironici, mai banali; ma nella prima opera citata l'assunto di partenza ne fa in più un'opera estremamente originale e ambiziosa: una misteriosa epidemia stermina istantaneamente tutti gli esseri viventi di sesso maschile, tranne il protagonista e la sua scimmietta. Da qui partono una serie di avventure mirabolanti che porteranno Yorick in diverse parti del mondo, ma soprattutto a incontrare molti strani personaggi (per forza di cose personaggi femminili!) e pericoli di ogni sorta.
Vaughan attraverso una trama ingegnosamente costruita e a un uso efficace dei dialoghi affronta temi che vanno dalla religione all'etica, alla politica, al sociale.
J.G. Jones è l'ottimo autore delle prime copertine, poi subentrerà il grande Massimo Carnevale fino all'ultimo volume, l'undicesimo (ogni volume italiano raccoglie più albi della serie originale).
I disegni di Pia Guerra forse non sono propriamente all'altezza della qualità di questa serie; tuttavia proprio l'anonimità del segno, e la sua chiarezza, permettono di concentrarsi di più sulla storia; da non sottovalutare comunque l'abilità narrativa del modo di fumettare della Guerra: è sempre chiaro quello che succede, cosa abbastanza importante in una storia così complessa e costruita.
Io posseggo l'intera serie tranne i primi tre numeri, che mi erano stati prestati un amico; così sto approfittando di questa ristampa per completare la collezione (rileggendo il volume non posso fare a meno di ammirare la partenza fulminante della storia di Vaughan: chi la leggerà non potrà fare a meno di acquistare anche i volumi successivi).

Nessun commento:

Posta un commento