Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



giovedì 29 aprile 2010

Nuova storia, nuovo sceneggiatore!

Arrivata a disegnare 78 tavole (su 170) della terza storia de “La squadra fantasma” è giunto il momento di “aiutare” Stefano Vietti a concentrarsi sugli altri suoi numerosi impegni di sceneggiatore: per un paio di mesi la nostra storia andrà in stand-by. Tav1AffariFamiglia
Nel frattempo ho iniziato a disegnare una nuova storia e a collaborare con uno sceneggiatore per me “nuovo”, Mirko Perniola, già noto ai lettori di Zagor e Nathan Never, e precedentemente autore della serie autoprodotta “Anno Domini” (umorismo a go-go in ambientazione medievale).

La pagina qui postata è la tavola numero uno, e ancora non presenta i veri protagonisti della storia: May, Branko e Kay. Non anticipo nulla della trama ma posso dire che ci sarà la presenza di un’altra agente Alfa, Betty, e che la storia avrà (anche) dei toni da commedia, come nelle corde di Mirko. Probabilmente questa storia sarà pubblicata su un Agenzia Alfa futuro, a data imprecisata.
Confesso che pur avendo iniziato da poco a collaborare con Mirko mi trovo già benissimo – Perniola è un professionista ultrapreciso (qualità che amo in generale) e soprattutto un gran racimolatore di documentazione di ogni tipo (non che Vietti non lo sia , tutt’altro…).

Dato il tono e l’ambientazione diversa rispetto alle storie de “La squadra fantasma” qui ho deciso (con l’avallo di Serra naturalmente) di usare un segno e una retinatura un po’ più leggeri.
Mi sto divertendo e spero che questo si rifletta nella riuscita della storia…

3 commenti:

  1. Mirko mi piace troppo. Ha del talento, e gli ho fatto i complimenti per "Corsa Mortale" (il Maxi di Zagor uscito tempo fa), che tra l'altro è risultata la migliore storia dell'annata zagoriana, se non erro.

    RispondiElimina
  2. Era da tempo che non postavi una tavola.

    Giusta la scelta di una retinatura leggera la preferisco.

    Ciao e buon lavoro, Andrea.

    RispondiElimina
  3. Ciao Finello, grazie, non avevo dubbi che molti avrebbero apprezzato la de-retinatura!

    RispondiElimina