Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



venerdì 27 agosto 2010

Un saluto al grande Satoshi Kon

Satoshi Kon è morto pochi giorni fa a soli 47 anni.
Non posso dire di conoscere bene questo regista di lungometraggi d'animazione come "Tokio Godfathers" e "Paprika" (le uniche sue opere che ho visto) e che è stato allievo e collaboratore di Katsuhiro Otomo; tuttavia la sua lettera d'addio che sta girando sui blog mi ha commosso a tal punto che mi è sembrato giusto rendergli un piccolo omaggio - magari farlo conoscere a chi potrebbe non avere mai visto niente di suo.
La lettera la si trova in inglese (qui), tradotta da un giapponese sul suo blog; anche a tradurla in italiano con Google  (come ho fatto io, ahimè) il senso di ciò che scrive Kon traspare lo stesso - e son lacrime, eh...
Qui sotto posto un trailer di "Paprika" (e settatelo sui 720p che si vede molto meglio), una summa della sua arte visionaria dove il tema del rapporto tra realtà e sogno si intreccia a quello dell'identità.
I film sopracitati si trovano facilmente in dvd, e credo anche "Millenium actress", "Perfect Blue" e "Paranoia agent" - che cercherò di procurarmi prima o poi.
Satoshi Kon stava lavorando a un altro progetto quando è morto - progetto che credo sarà portato a termine dai suoi collaboratori;  con lui invece scompaiono i tanti altri progetti ricchi di fantasia e talento che aveva dentro di sè...

La canzone che accompagna il video qui riprodotto è una delle più vivaci e ritmate tra quelle della colonna sonora molto bella e particolare che accompagna da protagonista il film; se andate a cercare gli altri trailer potrete ascoltare altre canzoni, tra cui quella della parata ad esempio.

3 commenti:

  1. "Now excuse me, I have to go"...
    davvero commovente, tutto quanto.
    :-(

    RispondiElimina
  2. Non lo conosco... A me piace solo Shingo Araki... quello dei Cavalieri dello Zodiaco (per esempio). Però RIP...

    RispondiElimina
  3. Moreno@: sì, quella frase è l'ultima stilettata al cuore.

    P. Alexis: in campo nipponico abbiamo proprio gusti agli antipodi:)

    RispondiElimina