Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



martedì 4 gennaio 2011

Notizie fumettose

La tavola qui postata è una delle più recenti di questo terzo numero de "La squadra fantasma"; il lavoro procede e all'orizzonte vedo la fine (seconda metà di marzo).

"Lo spazio bianco" è un importante sito di informazione fumettistica che ultimamente ha rinnovato la grafica, ma non solo; nella ricerca continua di miglioramento ed evoluzione sta   cercando nuovi collaboratori.  Qualche giorno fa attraverso un suo tweet ho scoperto il "webcomic verticale" di Daniel Lieske - "The Wormworld Saga" - direi molto a suo agio con la tecnica digitale, qui usata in maniera molto calda ed espressiva attraverso un realismo personale e mai stucchevole. La cosa notevole di questo autore è che il suo "work in progress" dipende anche dalle donazioni di singole persone che sovvenzionano il progetto (qui Lieske ne fa anche la storia).
In Italia chi ha pensato per tempo alle possibilità espressive del "webcomic verticale" è Makkox con il suo "Coreingrapho", dove in tanti - spesso giovani e poco conosciuti - hanno potuto esprimersi liberamente. Makkox ultimamente ha raggiunto una certa (meritata) notorietà con i suoi puntuali commenti visivi alla triste cronaca quotidiana di questo paese, su "Il Post"; oltre a ciò il progetto non del tutto riuscito della versione da edicola della rivista "Il Canemucco"  - ritiratosi nelle fumetterie  -  è comunque acquistabile on line e/o  scaricabile sul proprio iPhone/iPod/iPad attraverso una App apposita: molto interessante in prospettiva.

Anche Matteo Stefanelli di "Fumettologicamente" appare su "Il Post" con una rubrica personale; qui parla di un libro molto interessante - "Maledetti fumetti!", edito da Tunuè - che così presenta:    
"La storia è quella della campagna moralizzatrice che travolse il fumetto USA nei primi anni 50, lasciando in piedi solo 250 delle 650 testate che popolavano allora il mercato. Una vicenda emblematica per cogliere il lato moralista degli anni del maccartismo, raccontata dal critico David Hajdu una volta per tutte, in uno dei testi fumettologici più belli degli ultimi anni, tra saggio storico e indagine generazionale".
Stefanelli sul suo sito approfondisce l'analisi del libro attraverso diverse citazioni - qui la tag diretta per leggere i vari post. Se siete interessati e volete leggere qualche pagina in più la Tunuè ha pensato bene di mettere on line in lettura diverse decine di pagine qui, su Issue, il sito su cui anche io ho caricato il mio "Mini lezioni di Manga Studio".
Consiglio di dare un'occhiata all'ottimo catalogo della Tunuè, e anche di sfruttare la loro voglia di comunicare e condividere le loro pubblicazioni che sono spesso in parte o del tutto leggibili sul loro canale su Issue.

Per finire informo di una nuova rubrica giornalistica a tema fumettoso nata sul blog de "Il Manifesto": "Nuvoletta rossa" è curata da Andrea Voglino (che tra l'altro scrive su "De-code" - altro sito fumettoso) e per adesso vedo un solo articolo - vedremo in futuro come si svilupperanno gli articoli sul nostro amato tema.

   Copyright©immagine Sergio Bonelli Editore

24 commenti:

  1. Quanti link da vedere!
    Per adesso un commento sulla tua tavola: è bellissima! e chissà che storia c'è dietro...

    RispondiElimina
  2. Tavola bellissima, complimenti!!! e grazie per i link, appena ho tempo vedo tutto.

    RispondiElimina
  3. Grazie a entrambi.
    @juhan: intendi la storia che c'è dietro la costruzione della tavola o la storia dell'albo che sto disegnando?...

    RispondiElimina
  4. Come al solito, tanti bei link. WormWorldSaga non lo conoscevo. Bel lavorone.

    E bella tavola. La tua, intendo. Sbaglio o l'inchiostrazione si è un po "snellita"?

    RispondiElimina
  5. @Luigi: e chi lo sa se si è snellita :)- probabilmente sì...
    Proprio adesso sto rivedendo di fila le 135 tavole fin qui realizzate perchè sto facendo le correzioni prima che siano letterate, e la riflessione che mi viene di fare è che è un miracolo che se ci sono cambiamenti di stile alla fine siano alquanto contenuti: le prime tavole risalgono all'agosto 2009! Perdindirindina!

    RispondiElimina
  6. Sempre bellissime le tue tavole Patrizia! Da agosto 2009? Starai impazzendo, immagino...

    Ma, poi? Ti aspetta il meritato riposo o si passa subito ad un'altra storia? Come funziona nel tuo mondo? :))) beh, se si si può sapere, naturalmente....

    RispondiElimina
  7. allora qualcosa che si snellisce nonostante le feste c'è... :P
    scherzi a parte complimenti come al solito, anche se devo smetterla di guardare le tavole che poi mi prende voglia di leggere la storia e mancano mesi. Ma sbaglio o Janet e Orson avranno più peso in questo ultimo numero? Orson sì, perché mi pare lo hai detto in un commento di qualche altro articolo, Jenet invece appare spesso in queste tavole in anteprima ma forse è solo un caso...anche se spero di no :)

    RispondiElimina
  8. In ritardo: mi riferivo alla storia raccontata nell'albo, naturalmente. Anche perché se ci fosse una storia particolare della tavola sono sicuro che ce la racconteresti ;-)

    RispondiElimina
  9. @Boscho: no, per fortuna questa storia è così varia che non c'è pericolo di "rigetto" per lunga vicinanza; continuo ancora a divertirmi...
    Comunque dopo si riparte subito con una storia di Nathan che uscirà in edicola credo a metà 2012, e contemporaneamente devo portare avanti la storia di Perniola iniziata qualche mese fa (sono arrivata alla tavola 22), una storia che uscirà su Agenzia Alfa sempre nel 2012, forse in autunno.
    Farò una breve sosta una volta finita questa storia, poi devo riprendere senza perdere troppo tempo, già...

    RispondiElimina
  10. @Elisa: sì, oltre a Orson compaiono quasi sempre insieme Legs e Janet, sono loro tre i protagonisti assoluti di questa storia!
    @juhan: be', la storia che c'è dietro è abbastanza in linea con le due precedenti storie de "La squadra fantasma" e in generale con le storie più avventurose e d'azione di Vietti. Questa in particolare mi sembra delle tre la più riuscita, forse per la particolarità degli scenari, che sono tanti, vari e anche belli (almeno spero), e per le scene anche un po' dure in cui incappa sfortunatamente Legs - che però si sa ha la pellaccia dura...

    RispondiElimina
  11. Allora ritorno a leggere fumetti: promesso. Però visto che sono niubbo (n00b) in quel campo devi togliermi una curiosità: perché si chiama Legs? (se è una domanda troooppo sciocca pensa ai bambini di 3-4 anni) ;-D

    RispondiElimina
  12. Grazie delle anticipazioni! Mi fa piacere che i protagonisti siano loro tre, non ho nulla contro katie ma nonostante l'accenno al suo passato fatto nel numero precedente è il personaggio che mi incuriosisce meno.
    Ho dato un'occhiata a "lo spazio bianco" molto bello (l'articolo in cui tirano le somme su greystorm mi trova quasi completamente d'accordo)

    L'origine del nome Legs piacerebbe saperla anche a me, so come è stata giustificata all'interno del fumetto ma mi piacerebbe sapere se è nato prima il nome e poi è stata inventata una giustificazione o la storia era già stata pensata così prima ancora di scegliere il nome del personaggio. Io scommetto sulla prima ipotesi anche se a questo punto mi resterebbe da capire come mai a qualcuno sia venuto in mente "gambe" come nome... poi mi viene in mente che ci sono persone che hanno chiamato la propria figlia Apple e allora penso che mi faccio decisamente troppe domande :)

    RispondiElimina
  13. Prima di tutto vorrei scusarmi per alcune mie risposte scritte in un italiano approssimativo, si rischia di non capirne bene il senso...
    @Elisa: se vuoi il dietro le quinte della creazione del nome "Legs" (datole da un detenuto nella prigione di Blackwall dove Rebecca Weaver era rinchiusa - prima di divenire agente - in virtù delle sue capacità motorie...) dovrò chiedere direttamente a Serra, neanche io lo so!

    RispondiElimina
  14. Non fa niente ti ringrazio, non c'è bisogno che ti scomodi, era solo una curiosità.
    Mi piacciono gli aneddoti e se posso li cerco, tipo l'origine del nome "Dylan Dog" che doveva essere provvisorio e cosette così :)

    RispondiElimina
  15. Veramente bellissima! Peccato che non esista in originale. :-(
    Però sei sicuramente l'autrice più innovativa di casa Bonelli. Con Manga Studio si può perfezionare il disegno... riutilizzare magari anche primi piani già usati e migliorarli... :-) Oppure muovere meglio le figure nello spazio, ingrandendo o rimpicciolendo un particolare. Scusa una cosa, Patrizia, ma ho visto su Youtube che usi il pennello in modalità brush. E' dunque questo lo strumento da usare prevalentemente?

    RispondiElimina
  16. Scusa, intendevo la PENNA in modalità BRUSH.

    RispondiElimina
  17. @P. Alexis: troppo buono, in Bonelli ci sono altri che usano Manga Studio, o Photoshop o entrambi; da prima di me Olivares e Enoch (solo per dire i primi che mi vengono in mente) usano al meglio software grafici (a loro ho chiesto diversi consigli all'inizio della mia nuova "carriera digitale").
    I primi piani sono le cose che mi piace più disegnare e non utilizzerei mai delle copie!, così come raramente uso copiare vignette - molto raramente - e comunque modificandole poi secondo il bisogno. Di più uso lo strumento per ingrandire e rimpicciolire, spostare, ecc. - cose che facevo prima in fase di matita, adesso capita anche dopo l'inchiostrazione.
    Uso la PEN G, non la Brush Pen (che sembra un pennello spelacchiato); nello strumento Pen ci sono diversi tipi (G, Brush, Maru, Kabura, ecc.)che si differenziano solo per grandezza del segno e maggiore o minore output e input, e la correzione - ma queste sono cose che uno si sceglie a seconda di come si trova meglio, non c'è ne uno "canonico" da consigliare...

    RispondiElimina
  18. Ciao Pat, volevo farti i complimenti per la tua tavola del gigante d'acciaio postata da Stefano sul NNF, veramente d'effetto!!!!! Ma quanto sei brava????? Devo riconoscere che l'UA con i tuoi disegni veramente si fa leggere che è un piacere.
    Ma basta i complimenti!
    A parte gli UA, farai qualcosa prima o poi per la serie mensile?
    Una cosa:
    A proposito dei post sull' origine del nome di Legs, per sapere il background volevo linkare quello della Bonelli : http://www.sergiobonellieditore.it/legs/servizi/il-mio-nome-legs.html

    Ma quello sulla scelta di usare "Legs" e "Weaver" sono dovuti all'omaggio che Serra e gli altri (mi pare anche Castelli) hanno voluto fare a Sigourney Weaver, protagonista di "Alien", e alle sue gambe (che mostra nel film quando, sorpresa da un' alieno va a indossare una tuta spaziale).
    Cercavano una donna "dura" con caratteristiche militaresche da affiancare a Nathan Never.....

    RispondiElimina
  19. Scusa nel post prima non mi sono firmato
    Danilo T.

    RispondiElimina
  20. Ciao Danilo, tornerò "presto" sulla serie mensile di Nathan (in realtà il numero uscirà a metà 2012), inizierò una storia proprio finito questo Universo Alfa a fine marzo.
    Una curiosità: ma dove avete pescato la tavola del gigante nello spazio? Io ho dato da non molto le tavole per essere letterate, quindi immagino che la fonte provenga da dentro la redazione, anche se non immagino chi. Tra l'altro la riproduzione non è neanche granchè (giusto per dire immodestamente che dovrebbe essere più bella:)!
    Per Legs: la derivazione dalla Ripley di Alien è nota, ma dubito che il termine "legs" sia stato scelto per la scena che citi del film: lì più che le gambe si vede altro...
    Secondo le motivazioni trovabili all'interno degli albi a fumetti mi sembra che "gambe" è riferito alle lunghe leve che le sono servite spesso per togliersi d'impaccio nei brutti momenti in prigione.

    RispondiElimina
  21. Ciao Patrizia,
    ho visto che hai trovato da sola la risposta alla tua domanda sulla tua tavola.

    Per i tuoi lettori, se hanno voglia di approfondire su legs, ecco un link di wiki esaustivo
    http://it.wikipedia.org/wiki/Legs_Weaver

    Domanda sul tuo futuro NN del 2012: Suppongo sia un numero post GdM (sai di che parlo) quindi slegato alle vicende 2011/12. Albo singolo o doppio? (se puoi rispondermi, ovvio)
    Ciao e buon lavoro
    Danilo T.

    RispondiElimina
  22. Ultima cosa:
    L'autore del tuo NN mensile chi sarà?
    Danilo T.

    RispondiElimina
  23. Sì Danilo, numero post GdM ma anche in mezzo a un cambiamento-evoluzione della serie, sarà scritto da Serra che già mi sta responsabilizzando perchè quei numeri saranno abbastanza importanti: mi viene richiesto il massimo che posso dare come disegnatrice, anche di più (quando leggerai il mio Universo Alfa vedrai che mi sembra già di essermi superata, ma non basterà!).
    Contemporaneamente porterò avanti una storia di Perniola per Agenzia Alfa di cui ho già disegnato 23 tavole: mi aspetta un altro anno bello tosto! :)

    RispondiElimina
  24. Vedo che Serra vuole "spremerti" :D
    Patrizia grazie delle info, e non vedo l'ora di leggere il tuo UA, come tu già sai, sono tra i tuoi sostenitori.
    Buon lavoro!
    D.T.

    RispondiElimina