Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



sabato 30 gennaio 2010

Western di altri tempi


Posted by Picasa

Ancora dalla mia gioventù riesumo queste pagine che a leggerle adesso mi fanno tenerezza ...
Avevo circa 14 anni ed ero evidentemente influenzata ancora da Tex (il Tex più "fantastico" direi, adoravo le storie con Morales ad esempio e quelle con Mefisto).
Il fumettino di cui si possono vedere altre pagine qui è disegnato su un blocco a righe (non so come non mi dessero fastidio) e si interrompe improvvisamente dopo 13 pagine (più piccole di un A4).
Il disegno è stato realizzato direttamente con un pennarello blu, senza l'uso di bozzetti a matita. No, non ero così brava: ho notato la presenza di qualche pagina strappata qui e là - in pratica quando sbagliavo una vignetta strappavo la pagina e ricominciavo... molto furbo...
Mi piace molto la correzione grammaticale nel primo balloon ("a me mi"), come anche l'enorme "GONG!" a fine tavola. Sul sito di Picasa Web Album per adesso ho caricato le prime 6 tavole, se avrò tempo caricherò anche le altre, ma anticipo la chicca che conclude proprio l'ultima vignetta dell'ultima tavola: uno dei protagonisti, Sam, attraversa con una barchetta una palude maleodorante e dice: "Cadaveri di animali morti, puhà!".
Comunque nelle 13 pagine rimaste di questa indimenticabile avventura (per me ragazzina probabilmente lo era) non si riesce ad arrivare a scoprire chi diavolo fossero questi "Mayas"...

13 commenti:

  1. Assomigliano ai miei... con 2 differenze. La prima è che i miei disegni sono rimasti così. La seconda è che sono persino peggiorato!!! Ai tempi sfornavo pagine a ripetizione, inventandomi 2000 storie dei Puffi e di Braccio di Ferro. Oggi non riesco piu' nemmeno in quello.

    RispondiElimina
  2. Belle tavole, e poi si vede che avevi già deciso cosa fare da grande. Ma, a essere davvero pistino, Mefisto era un intruso, il "Far West" non era quello.
    I maya: in largo anticipo su Giacobbo stavi per svelarci tutto sul 2012, qualcuno ti ha fermato (secondo me i templari).

    RispondiElimina
  3. P. Alexis anche io da giovane disegnavo più che adesso, quasi! E mi sembra anche che avessi più fantasia e voglia di raccontare - non c'è niente da fare, l'entusiasmo e le energie della gioventù non sono replicabili dopo 20 o 30 anni (parlo per me naturalmente!).
    @juhan: per me ciò che fa di Tex quel personaggio unico che è (e non il solito western) è proprio la presenza di elementi estranei al genere. Non credo altrimenti che sarei riuscita a leggere per anni e anni storie di sparatorie, cavalli, cactus.
    I puristi leggittimamente possono dire "però...", ma io in generale sono contro la purezza e mi tengo il mio Tex "misterioso". A proposito di "misteri", ecco,Giacobbo dovrebbe scrivere libri di narrativa e rimaneresene in quell'ambito, sarebbe un bene per tutti...:)

    RispondiElimina
  4. "sparatorie, cavalli, cactus" LOL (credo si possa dire), hai il dono della sintesi. E siamo perfettamente d'accordo anche su Giacobbo. Ma sei sicura che Giacobbo riuscirebbe a scrivere? Per quel che ho visto va in cerca di cose "eccezzionali veramente" e le butta lì senza analizzarle, tanto il suo pubblico assorbe tutto.

    RispondiElimina
  5. Hai ragione, ho fatto a Giacobbo un complimento di troppo...

    RispondiElimina
  6. Grande!! ma eri già mooolto brava..ma la sceneggiatura era tua?..ovvio,non credo lavorassi in team, scusa la domanda :^)

    RispondiElimina
  7. La domanda è lecita, avrei potuto avere un amichetto/a ricco di fantasia ma scarso di pennello, invece no.
    In effetti però è raro che da giovani si collabori con altri per fare dei fumetti, bisogna avere anche la fortuna di incontarre qualcuno con la tua stessa passione; e comunque non ho ancora conosciuto un fumettista che da bambino non avesse mille storie in testa da disegnare!

    RispondiElimina
  8. Attendo con impazienza il seguito! Bella la cartina con l'altopiano del "gilet" :-)

    PS: un po' di tempo fa ho visto un tuo vecchio intervento dove mostravi una storia western fatta a 9 anni e ho pensato: Ehi!, anch'io disegno così. Adesso. A 41 anni.

    RispondiElimina
  9. Ah! ah! Ma no, dài, secondo me disegnare non è mica facile, neanche per chi ci è "portato"...

    RispondiElimina
  10. @Massimo, ho aggiunto all'album on line le pagine restanti (in tutto sono 13).

    RispondiElimina
  11. Grazie, avevo giusto finito di leggere i Tex :-)

    Altre due cose degne di nota: il litigio tra i due protagonisti modello "Non ti faccio più amico, gnè gnè" e, ancora nell'ultima tavola, la battuta: "c'è ancora la scia..."!

    RispondiElimina
  12. Secondo me saresti bravissima anche come sceneggiatrice. Gli elementi sono ben calibrati, dai spazio a tutto. Avventura, mistero, umorismo (esilarante sia il tizio scroccone che il barman impiccione). Più che Tex mi viene in mente il Piccolo Ranger, con i battibecchi tra Kit Teller e Frankie Bellevan (che tra l'altro mi piacerebbe vedere in una tua interpretazione!!!). Grandiosa!!!

    RispondiElimina
  13. Come sceneggiatrice me la cavo, non sono una professionista, non so niente di teoria e regole varie ma una storiellina - se mi si dà un soggetto - la so sceneggiare, mi viene istintivo (come capita a molti disegnatori non-autori).
    Il problema magari possono essere il soggetto e i dialoghi; ecco, questo non ce l'ho nel dna - non a livello professionale. Però nel passato ho disegnato e scritto diverse storie (mai troppo lunghe) pubblicate su Schizzo, una su NoiDonne, un'altra su Blue.
    Oltre a Tex le mie ispirazioni del periodo western erano anche Il Comandante Mark e Il Grande Blek - parlo dei personaggi e dei dialoghi...

    RispondiElimina